voi siete qui: drive index | cinema | archivio recensioni| U-571

MISSIONE NEGLI ABISSI...

U-571 (id.), regia di Jonathan Mostow, con Matthew McConaughey (Tenente Andrew Tyler), Harvey Keitel (Nostromo Klough), Jon Bon Jovi (Tenente Pete Emmett), Bill Paxton (Cap. Mike Dahlgren); Sceneggiatura: Jonathan Mostow; Anno: 2000; Produzione: Stati Uniti; Distribuzione: Uip; commento: ***

Ispirandosi a una serie di episodi storici avvenuti nel corso della Battaglia dell'Atlantico durante la Seconda Guerra Mondiale, U-571 narra le gesta dell'equipaggio di un sottomarino americano che riuscì a impossessarsi di un U-Boot tedesco con a bordo l'Enigma, un apparecchio che permetteva di decriptare i codici di comunicazione militare che i tedeschi utilizzavano sui propri sottomarini e che contribuì ai grandi successi sul mare che questi ottennero nei primi anni del conflitto. Jonathan Mostow (Breakdown), qui in veste sia di regista sia di sceneggiatore, dimostra competenza nell'alimentare costantemente il ritmo dell'azione in un crescendo rossiniano, il cui epigono viene raggiunto nella sequenza del massiccio attacco al sottomarino con le bombe di profondità, che costringono il comandante a portare il suo equipaggio a una profondità (200 metri) e a una relativa pressione esterna (21 ATM, ndr)) ai limiti dell'implosione. Il pathos è forte, anche senza l'inevitabile riferimento alla recente tragedia del sottomarino russo Kursk. Mostow non ci mostra nulla di nuovo: atmosfere, situazioni, personaggi e stereotipi sono già visti, ma quello che ci propone è ben fatto. U-571 appartiene all'ondata di ritorno di una concezione classica del film d'azione, fatta di corpi di attori, di rilettura dei generi tradizionali (il film di guerra, nel caso specifico), di un montaggio serrato e di solidi soggetti e sceneggiature, lasciando in secondo piano le meraviglie degli effetti speciali e dei trucchi da computer graphic.
Matthew McConaughey (Il Tempo di uccidere, Amistad, EdTv) è un valido comandante che - in situazioni disperate - si inventa una soluzione geniale e inedita che consente di salvare il suo equipaggio e sconfiggere il nemico. Harvey Keitel - uno dei pochi attori che riesce a parlare allo spettatore anche quando tace - nella parte dell'esperto nostromo capo macchine, gioca un ruolo da eccellente comprimario, controparte della figura del capitano, nonchÈ elemento collante dell'intera squadra.

© Marco Ferrari - per gentile concessione dell'autore

webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto - drive © stefano marzorati 1999-2004 - a true romance production