voi siete qui: drive index > cinema > archivio recensioni > Uno specialista/Al di là della vita


 


UNO SPECIALISTA - RITRATTO DI UN CRIMINALE MODERNO
(Un spècialiste, portrait d'un criminel moderne), di Eyal Sivan; produzione: Israele, Belgio, Francia, Germania, Austria; anno: 1999; commento: ****

Il regista Eyan Sivan ripropone alcuni spezzoni delle riprese del processo che si tenne a Gerusalemme nel 1961 a Otto Adolf Eichmann, il criminale
nazista catturato dai servizi segreti israeliani in Argentina, e che termin˛ con la condanna a morte dello stesso, giustiziato poi per impiccagione nel maggio 1962. L'imputato fu riconosciuto colpevole di essere stato il responsabile della logistica e dei trasporti dei deportati nei campi di concentramento. Soprannominato non a torto il "ragioniere dello sterminio", Eichmann durante tutto lo svolgimento del processo Ŕ rimasto impassibile, occupato a prendere appunti su quanto si dibatteva; non ha mai negato il suo ruolo ma ha sempre sostenuto di essere stato costretto ad attenersi ad ordini superiori.
Quello che impressiona Ŕ l'immaginarsi questo uomo, calvo, con gli occhiali dalle lenti spesse, dall'aspetto di modesto impiegato di banca, con un potere di vita e di morte su milioni di persone.
Il documentario Ŕ privo di qualsiasi commento e retorica; Sivan si Ŕlimitato a montare gli spezzoni senza neppure apporre alcuna nota introduttiva per lo spettatore non informato sul personaggio e sul processo svoltosi. Tuttavia, pur nella sua asciuttezza "Uno specialista" risulta di grande impatto emotivo e se ne raccomanda la visione - sopportando le due ore in versione originale con sottotitoli italiani spesso non ben leggibili - per non dimenticare il dramma dell'Olocausto.


AL DI LA' DELLA VITA (Bringing Out the Dead), di Martin Scorsese, con: Nicholas Cage, Patricia Arquette, John Goodman, Vinh Rhames, Tom Sizemore; sceneggiatura: Joe Connelly e Paul Schrader; produzione: Usa; anno: 1999; commento: ***

L'autoambulanza sfreccia senza sosta nella notte per le vie di Hell's Kitchen a New York: un girone dantesco, dove si lotta contro il tempo per strappare alla morte anime di disperati. Ci si sente vivi quando si salva una vita, ma si vive nell'ossessione delle vite perdute.
Tratto dal romanzo autobiografico di Joe Connelly - che lavor˛ per nove anni su un'autoambulanza nel Bronx - il film di Scorsese, ci racconta 48 ore nella vita di un paramedico, interpretato da Nicholas Cage. Con le sue ossessioni ricorrenti e l'ambientazione nella strada metropolitana, il film richiama Taxi Driver, anche se il paramedico Cage, per quanto si impegni con espressioni sofferenti e costernate, Ŕ lontano dal carisma cinematografico del tassista Robert De Niro.
Mentre si resta affascinati dalla sapienza nel rappresentare senza enfasi o retorica la durezza dei bassifondi e della vita al pronto soccorso nei quartieri pi¨ popolari (E.R. al confronto Ŕ un programma per bambini), si rimprovera a Scorsese un'eccessiva insistenza sulle visioni e del protagonista: la sua ossessione per la ragazza morta risulta troppo insistita, finendo per dannegiare l'equilibrio struttural-narrativo del film.
Joe Connelly
, che ha partecipato alla stesura della sceneggiatura insieme a Paul Schrader (American Gigolo, Lo Spacciatore) ha detto di essere stato costretto ad edulcorare in ogni caso i racconti in quanto la realtÓ da lui vissuta sarebbe risultata inverosimile una volta trasposta sullo schermo. Ad esempio, nella scena del parto sulle scale, in realtÓ i gemelli erano siamesi! Da ricordare la presenza di un quasi irriconoscibile Ving Rhames nel ruolo di un collega di ambulanza di Cage: Rhames Ŕ stato l'indimenticabile Marcellus Wallace in Pulp Fiction.

© Marco Ferrari - per gentile concessione dell'autore

webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto - drive © stefano marzorati 1999-2010 - a true romance production