voi siete qui: drive index> musica > la band del mese > The Sound

OTTOBRE 2003/THE SOUND
>drive index
>the rock and horror encyclopedia
>sex, death and rock'n'roll
>musica
>letteratura
>fumetti
>eventi
>links
>chi siamo
>contatti

sfoglia il catalogo di Amazon.com se vuoi acquistare video e dvd - film vecchi e nuovi, cult movies, director's cut a prezzi imbattibili!

DEDICATO AD ADRIAN BORLAND (1958-1999) E AI SOUND...

IL 26 APRILE 1999 ADRIAN BORLAND, CANTANTE, CHITARRISTA, COMPOSITORE E LEADER DELL'ORMAI DISCIOLTO GRUPPO DEI SOUND ( UNA DELLE MIGLIORI REALTA' ESPRESSE DALLA NEW WAVE INGLESE DEGLI ANNI '80), SI' E' SUICIDATO GETTANDOSI SOTTO UN TRENO IN UNA STAZIONE DI LONDRA. AVEVA 41 ANNI. RESTANO DI LUI IL SUO LAVORO DI MUSICISTA E UN BRANCO DI PAROLE E NOTE FISSATE NEL TEMPO, TRA I SOLCHI DEI DISCHI DEI SOUND E DEI SUOI ALBULM COME SOLISTA.

THE SOUND: LA STORIA...

Il neo-pop dei Sound, come qualcuno ha definito il suono del gruppo, si affaccia sulla scena della new wave brutannica dei primi anni Ottanta con l'album Jeopardy. Musica diretta, essenziale, costruita sul perfetteto amalgama tra la voce la chitarra di Adrian Borland, il basso di Graham Bailey (uno dei bassisti pi ingiustamente sottovalutati della scena di allora), le tastiere di Colvin Mayers e la batteria di Michael Dudley. Sempre lontani da un grande successo di pubblico, Adrian e soci hanno ricevuto lusinghieri riconoscimenti da parte della critica sin dagli inizi. La fama conquistata con Jeopardy (1980) si poi consolidata con il secondo album in studio, From the Lion's Mouth (1981), probabilmentte il lavoro piu' riuscito della formazione. Skeletons, Winning, Sense of Purpose restano brani indimenticabili, e a distanza di quasi vent'anni mantengono la freschezza e la carica di allora. Costretti dalla loro etichetta a una svolta piu' commerciale, i Sound pubblicano nel 1982 All Fall Down, un album che tuttavia riesce a mantenere i paesaggi sonori oscuri e i toni amari della produzione precedente. Shock of Daylight (1984) e Heads and Hearts (1985) sono i titoli dei due lavori successivi, per approdare al doppio live "In the Hothouse" (1985) registrato al mitico club Marquee di Londra, una memorabile testimonianza del feeling e dell'impatto sonoro della band. Thunder Up (1987) l'ultimo album del gruppo, poi lo scioglimento. Adrian Borland ha proseguito come solista, mantenendo lo stile e l'impronta che aveva infuso nel suono del suo vecchio gruppo. Nel 1989 esordisce con l'album Alexandria, a firma Adrian Borland and the Citizens. Al momento della sua morte stava lavorando in studio di registrazione all'incisione di un nuovo album

FORTUNATAMENTE QUALCUNO SI E' PREOCCUPATO DI RISTAMPARE LA DISCOGRAFIA DEI SOUND: UN GRAZIE ALLA RENASCENT DI LONDRA PER AVERCI PENSATO. SONO GIA' USCITI IL LIVE IN THE HOTHOUSE (REGISTRATO DAL VIVO AL MARQUEE DI LONDRA NEL 1985) E SHOCK OF DAYLIGHT & HEADS AND HEARTS, CHE RACCOGLIE I DUE ALBUM OMONIMI PIU' ALCUNE BONUS TRACKS. GRAFICA DEI CD SEMPLICE ED ESSENZIALE, ELEGANTE, COME LO ERA DEL RESTO LA MUSICA DEL QUARTETTO...

webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto - drive © stefano marzorati 1999-2003 - a true romance production



DISCOGRAFIA

THE SOUND:
Jeopardy (Korova, 1980)
From the Lion's Mouth (Korova, 1981)
All Fall Down (WEA, 1982)
Shock of Daylight (Statik, 1984)
Heads and Hearts (Statik, 1985)
In the Hothouse (Statik, 1985)
Thunder up (Pias, 1987)
Propaganda (Renascent, 1999)

Adrian Borland solo:
Alexandria (BIAS, 1989)
Brittle Heaven (BIAS, 1992)
Beautiful Ammonition (Resolve Records, 1994)
Cinematic (Resolve Records, 1995)
5:00 AM (Earth Records, 1997)
The last Days of the Rainmachine (Red Sun, 2000)
Harmony and Destruction (Red Sun, 2002)

Brittle Heaven