Voi siete qui: drive index > the rock and horror encyclopedia > articoli > Renaissance


    + introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs
   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   + links



 
   +
Renaissance: sito ufficiale


 
   +
The Gothic Milieu
   +
Century Media Records










 


Renaissance "The Death Of Art" (Shiver Rec. 1994)
di Giovanni Carta

Immagino che i Renaissance di cui vi sto scrivendo siano quantomeno sconosciuti e ignorati dalla maggior parte del pubblico metal, probabile, del resto aver inciso per un etichetta alquanto sfigata come la Shiver sicuramente non deve aver giovato in termini di visibilità o supporto. Ma andiamo con ordine: i Renaissance erano il progetto di due musicisti belgi, Chriss Ons e Santiago Janssens, totalmente persi per il death-doom (siamo attorno la fine degli '80-inizio anni '90) di gruppi come Celtic Frost, Paradise Lost, Coroner... eppure rispetto ai molti metal-kids desiderosi di seguire in maniera del tutto emulativa le gesta dei propri beniamini, i due belgi avevano ben altro per la testa, qualcosa di molto più ambizioso. Nell'agosto del 1992 i Renaissance riusciranno a registrare il demotape Archway, di fatto una delle primissime suite metal costruite su un impianto vocale e sonoro tipicamente death e dalla durata di ben 30 minuti. La suite si snoda in cinque capitoli attraverso uno scenario post-apocalittico d'alienazione e oppressione tecnologica: per tutta la sua durata la musica mantiene un minaccioso profilo ritmico incalzante che, senza escludere improvvise accelerazioni, in genere tende a rallentare il suo svolgimento in maniera claustrofobica, gli inserti di tastiera suggeriscono come non mai desolazione e angoscia mentre le maniacali parti vocali di Santiago sembrano provenire direttamente da qualche oscura latrina. In realtà Archway verrà pubblicata solamente due anni dopo, proprio in quello che si può definire l'esordio discografico vero e proprio dei Renaissance, The Death Of Art.
Il panorama musicale, almeno in ambito hard'n'heavy, era già stato scosso dal successo commerciale di gruppi, definiti "prog-metal", come Dream Theater e simili... e a un certo punto sembrava si fosse ridestata l'attenzione verso quello che in genere si definisce prog-rock. The Death Of Art si può quindi definire come la risposta dei Renaissance verso certe tendenze "ibride" allora molto in voga. A parte "Archway" opportunamente rimasterizzata per essere inclusa nel disco, The Death Of Art è la nuova composizione, ancora più lunga della precedente suite, questa volta si raggiungono i quaranta minuti, ed idealmente diversa nella forma come nei contenuti. Se "Archway" mantiene una struttura monolitica T.D.A. allarga ulteriormente il raggio delle soluzioni musicali e delle contaminazioni tanto da apparire quasi schizofrenica nella sua struttura sperimentale: le influenze che scorrono durante il brano sono molteplici, imprevedibili anche se a dire il vero il metal brutale degli esordi è ormai quasi un ricordo a favore di un maggior virtuosismo nelle parti strumentali (penalizzate però dall'utilizzo di una drum-machine); rimane il fatto che in quaranta minuti la maggior parte dei sottogeneri metal vengono presi e rimescolati fra loro senza alcun pudore, con l'unico possibile problema di risultare un attimo dispersivi e privi di senso per gli ascoltatori meno preparati. Tanto estro creativo, pur con i suoi squilibri e difetti, evidentemente non è bastato a mantenere vivo un gruppo fuori dagli schemi come i Renaissance, o forse più realisticamente vien da pensare che una simile proposta musicale non era proprio l'ideale per poter sopravvivere nel caotico mercato discografico metal...mah! Per saperne di più consiglio di visitare il sito ufficiale del gruppo.

 
© Giovanni Carta 2002 - per gentile concessione dell'autore

The Rock and Horror Encyclopedia © 1999-2003 Stefano Marzorati - a true romance production