navigazione
drive homepage

cinema
home

recensioni

speciali

anteprime
articoli
eventi

rubriche

prossim@mente
strani oggetti
diario americano
dvd world


categorie

musica

cinema

libri

fumetti

contatti

 

drive magazine

© Stefano Marzorati 2010

 

La regola del sospetto (The Recruit)

regia di Roger Donaldson, con Colin Farrell, Al Pacino; produzione: USA; anno: 2002
recensione di Marco Ferrari

Tutto non è ciò che appare e bisogna sospettare anche dei propri amici. E’ questo lo spirito che anima i NOS, il corpo speciale di spie al soldo della CIA che agiscono in totale autonomia e indipendenza, senza alcuna rete di protezione. Partendo da questo assunto, assistiamo alle disavventure del giovane Colin Farrell che, reclutato da Al Pacino, veterano funzionario dell’agenzia, entrerà nei corpi speciali con il compito di seguire una compagna di corso - con la quale è sul punto anche di intrecciare una love-story - ritenuta essere un agente infiltrato in procinto di trafugare importanti informazioni segrete. Ma non tutto è ciò che sembra…..
Diretto con robusta professionalità dal veterano Roger Donaldson e interpretato da un sempre bravo Al Pacino, La regola del sospetto è un tipico prodotto in serie dell’industria hollywoodiana che si lascia seguire per una “serata da multiplex”, ovvero una visione senza particolari aspettative o impegni. Risulta un po’ stridente il consueto richiamo retorico al bene e alla giustizia da parte dell’America, in un momento in cui gli americani stanno arbitrariamente invadendo e bombardando l’Iraq.