voi siete qui: drive index > cinema > archivio recensioni > archivio recensioni 1 > Notting Hill

 

NOTTING HILL, regia di Roger Michell, con Julia Roberts, Hugh Grant, Hugh Bonneville, Emm Chambers, Jams Dreyfus, Rhys Ifans; sceneggiatura: Richard Curtis; distribuzione: UIP; data di uscita: ottobre 1999; giudizio: ***


Chi tra noi non ha mai sognato una storia d'amore con una star del cinema? Con Notting Hill, Richard Curtis (sceneggiatore) e Roger Michell (regista), trasformano in realta' uno dei luoghi fondamentali dell'immaginario cinematografico collettivo. Il film racconta, infatti, come William (Hugh Grant), titolare di una libreria di viaggi a Notting Hill , divorziato, single, senza una vita particolarmente mondana, conosca e si innamori, ricambiato, di Anna (Julia Roberts), la diva di Hollywood piu' popolare del momento.
Certo, la trama e' esile e bisogna sorvolare su alcune situazioni improbabili per lasciarsi condurre placidamente lungo lo svolgimento della storia e accettare il film per quel che e': un'opera "carina", da vedersi in relax in una serata disimpegnata. Si tratta di quel genere di commedia romantica in cui l'industria cinematografica americana e' indiscussa maestra.
Lo sceneggiatore Curtis, dopo la brillante prova di Quattro matrimoni e un funerale, sembra qui piu' a corto di idee. Tuttavia, se ci si pone in un'ottica puramente (e piu' tristemente) commerciale, visto il successo del film, le sue scelte si dimostrano perfette.
Il regista Roger Michell, alla sua seconda opera cinmeatografica dopo l'adattamento di Persuasion di Jane Austen, si dimostra un buon esecutore. Julia Roberts e Hugh Grant sono belli quanto inespressivi, l'attore gallese Rhys Ifans (Ballando a Lughnasa) interpreta la simpatica macchietta di Bernie, il convivente di William, mentre gli altri personaggi di contorno risultano piuttosto scialbi e scontati.


webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto - drive copyright stefano marzorati 1999-2003 - a true romance production