voi siete qui: drive index | fumetti | archivio speciali | Nathan Never: il futuro del futuro

NATHAN NEVER: IL FUTURO DEL FUTURO, a cura di Lino Terlati

Stefano Vietti è uno degli sceneggiatori di Nathan Never, il fumetto creato undici anni fa dal trio sardo Serra, Medda e Vigna che ha fatto conoscere la fantascienza al pubblico italiano. Nathan Never fu anche, in quel momento, una novità nella storia editoriale di Sergio Bonelli Editore, che in questo modo apriva i suoi orizzonti a un genere nuovo, apparso solo timidamente in passato su un albo della storica collana Araldo intitolato Yudok.



"Questo è un momento importante per la serie di Never, perché ancora una volta noi autori stiamo preparando grandi cambiamenti". Così esordisce Vietti che incontro a Lucca Comics 2002. Vietti si dimostra un interlocutore disponibilissimo, e con lui comicniamo a parlare del futuro di Nathan Never. Quelle che seguono sono un mix di anticipazioni e di commenti...

Tornerà Skotos, uno dei più vecchi nemici di Nathan (apparso fin dal numero 2) e lo vedremo in azione su diversi albi. Roberto De Angelis, uno dei più eclettici disegnatori di Nathan Never, darà vita alla saga della guerra tra la Terra e le stazioni orbitanti, che rappresenterà un nuovo "punto di partenza" della serie.
E, pensando a questo nuovo inizio, sembra ancora ieri quando uscì il primo numero Agente Speciale Alfa e il pubblico si affezionò a questo signore dai capelli bianchi e neri, al suo mantello e alla sua aria introspettiva e seria.
Il lettore affezionato sa che una delle caratteristiche di questo fumetto è il tono malinconico che si percepisce in quasi tutti i numeri eil successo di Nathan Never ha fatto si che la Bonelli producesse una serie spin-off, Agenzia Alfa, dove vengono trattate in modo corale le avventure di singoli membri di questa Agenzia.
Nathan Never ha anche una serie gigante e proprio recentemente Stefano Vietti ha pubblicato la storia Le due nemiche. Nei giganti non è Nathan Never il protagonista ma Nemo, ovvero un suo clone del futuro che si avvale della collaborazione di Artisia, sua figlia, e dove compaiono i Tecnodroidi, creature di carne e acciaio vagamente ispirati ai mostri di H.R Giger. L’anno prossimo si chiuderà definitivamente il discorso di Nemo e i Tecnodroidi. L’anno successivo Antonio Serra tornerà con una nuova trama.
Non dimentichiamo che Nathan Never ha anche uno Speciale annuale e l’Almanacco della Fantascienza, pubblicazione ricca di recensioni e articoli che ospita regolarmente una storia inedita di Nathan Never.
Un'altra serie importante nata dalle costole di Nathan Never è Asteroide Argo, di cui per ora è uscito solo un numero. Il creatore è Bepi Vigna, ed è molto atteso il secondo numero ancora una volta sceneggiato da lui e disegnato da Fabio Jacomelli. La saga quindi continua!

A volte l'universo di Nathan Never è confluito in altri universi fumettistici, come quello di Martin Mystère. Mr. Jynx, uno dei nemici più acerrimi di Martin, è apparso anche negli albi di Nathan, così come Martin Mystère. Ecco ora che i rettiloni Venerabili apparsi in Nathan Never confluiranno in Martin Mystere, in un vero e proprio crossover.
Una figura inquietante apparsa due anni fa è stato Mister Alfa. In un albo sceneggiato da Riccardo Sechi si sono conosciute le origini di questa malefica mente criminale. Altro conosceremo sui suoi piani durante gli eventi della guerra con le stazioni orbitanti.
Uno dei personaggi ancora in embrione è invece Neos, il primo Tecnodroide, di cui verrà trattato ampiamente in Agenzia Alfa questo mese in edicola, una storia unica di 316 pagine disegnata da Andrea Cascioli che anticiperà il futuro di Nathan e in cui compariranno i mutati, altra razza creata in laboratorio. Insieme a loro saranno protagonisti anche Skotos, Neos e Mister Alfa, e ci saranno nuove informazioni e sottotrame sul mondo dei mutati, con nuovi, imprevedibili sviluppi.
Una grande importanza avranno anche le vicende personali e sentimentali di Nathan Never, dopo una storia mai acclamata con la segretaria Janine (a cui sono stati dedicati due splendidi albetti sceneggiati da Katia Albini, forse ingiustamente dimenticati), Nathan si è innamorato di Hadija, una donna dalle origini arabe che per molti albi è stata la sua compagna, Ora la loro storia è finita. L'agente Alfa è tornato ad essere un single, ma per quanto?

Un neo è stato quello di non dare molto spazio a due personaggi caratteristici come C09 (creazione legata al mondo narrativo del grande Isaac Asimov) e Rockal (anagramma che esprime devozione verso Capitan Harlock, la celebre serie giapponese animata che deve essere stata molto amata da Bepi Vigna).
Il pirata Rockal fa la sua comparsa nello speciale L’isola del tesoro, albo di debutto del disegnatore Andrea Cascioli, un numero, secondo me, bellissimo, che ha avuto, però, il difetto di presentare un bel personaggio come Rockal e poi gettarlo nel dimenticatoio...
Anche l’enigmatico e affascinante Shoji DeVille, apparso nel numero 22 Demoni (magistralmente disegnato da Pino Rinaldi), non si è più visto. Dico a Vietti che non sarebbe male ritrovarlo alleato di Mister Alfa, insieme, magari, a Ran, la donna-Tigre meriterebbe più spazio.

Nel corso degli anni ha sempre più preso piede una continuità narrativa che, credo, si è rivelata la vera anima del succeso di Nathan Never. Anche se alcune storie sono autoconclusive, ogni personaggio, infatti, ha dei collegamenti con gli altri e ha una sua importanza nell’universo Nathan Never, così come è importante seguire le serie parallele come Asteroide Argo, Agenzia Alfa, gli Speciali, i giganti e gli Almanacchi per avere un panorama completo degli eveti.

E a proposito di personaggi minori non possiamo non ricordare che i creatori di Nathan Never sono grandi appassionati di tutta la science-fiction prodotta nel mondo televisivo e di celluloide. Direttamente dalla serie UFO sembrano discendere le gemelle Ross che sono entrate a far parte della scuderia di Agenzia Alfa come piloti . Hanno avuto pochissime storie dedicate a loro (a parte una breve su Agenzia Alfa), e il loro ruolo è per ora marginale, ma la bravissima Elena Pianta sta disegnando unaloro nuova storia.
Degli agenti Alfa anche Luke Sanders, il più giovane, ha avuto un ruolo importante e si sono rivelati importanti i lati psicologici del suo carattere.
Anche lui, nelle storie future, non sarà dimenticato.
Insomma, nei prossimi due anni Nathan Never ha in serbo per i suoi lettori non solo tanti ritorni, ma anche molte nuve sorprese. Non ci ersta che attendere!"

© 2003 Lino Terlati - per gentile concessione dell'autore

  drive index | fumetti | archivio speciali
© Copyright 1999-2010 Stefano Marzorati | a True Romance Production