Musica/speciali: intervista a Clive Jones





Agony Bag website
Black Widow records






















voi siete qui: drive index | musica| speciali | Intervista a Clive Jones


  INTERVISTA A CLIVE JONES a cura di Giovanni Carta

Già nei leggendari Black Widow, formazione culto del rock britannico degli anni Settanta, Clive Jones ha alimentato caparbiamente per anni una carriera musicale estremamemte eclettica...In questa intervista, rilasciata gentilmente al nostro Giovanni Carta, Clive ne ripercorre le tappe più significative e ci racconta dei suoi progetti presenti e futuri...
Lo ringraziamo per la grande disponibilità dimostrata.

1) In tutti questi anni il tuo nome è stato ammirato da numerosi fans di generi musicali differenti come il progressive rock, il glam rock ed il metal. Pochi musicisti possono vantarsi un seguito cosi eterogeneo, guardacaso i tuoi gusti musicali sembrano ora volersi orientare ancora una volta verso nuove musiche... primo fra tutti l'ambizioso progetto Metalheart: cosa dovremmo aspettarci da questa esperienza?

Con Metal Heart mischierò del buon pop con l'heavy metal e il progressive rock. E ' un progetto nato per divertimento, un po' come il Rocky Horror show.Sto addirittura pensando di usare i Black Widow nel progetto insieme ad amici come i Death SS. C'è anche una parte per il mio personaggio di Dr. Pesky. Il fatto che io arrivi da una progressive band non significa che debba rimanere attaccato a quella musica. Ho imparato molti ann fa che potevo scrivere con stili diversi...
 
Sono cresciuto con la pop music degli anni Sessanta e poi mi sono mosso verso il Soul e, quindi, l'heavy metal. Ora mi piacciono diversi stile di musica e sarebbe molto superficiale restare attaccati a un solo tipo per tutto il resto della mia vita...

2) Con gli Agony Bag vi siete definiti ironicamente come una trash metal bands, nel 1980 avete pubblicato un singolo decisamente sopra le righe come Rabies is a Killer e successivamente, dopo diversi anni, Feelmazumba: possiamo considerare il nuovo Piss Out Your Trash (titolo alquanto significativo!) una continuazione dei precedenti lavori oppure si tratta di qualcosa di totalmente diverso? Pochi musicisti dei seventies hanno affrontato gli anni ottanta in maniera cosi spavalda e spericolata... cosa ti ha spinto a formare gli Agony Bag?
 
Ho fondato gli originali Agony Bag con Clive Box dei Black Widow. Questo progetto mi ha reso possibile occuparmi delle parti vocali e fare il front man, e in più scrivere con uno stile musicale personale, L'album Feelamazumba era una raccolta di canzoni che , a parte Rabies is a killer, non era mai stata ascoltata prima.
Ho sempre tentato di scrivere su soggetti differenti: Feelamazumba era composto da demo e con un collettivo di musicisti provenienti da band con cui avevo lavorato.
L'idea di Piss out your thrash è nata quando sono stato contattato, dalla Germania, da Stephan Bender.
Avevo incontrato Stephan quando ero in tour con gli Agony Bag (lui era in una band di supporrto chiamata Fame) e per vent'anni ci siamo tenuti in contatto,
 
Stephan mi ha invitato in Germania per ri registrare alcune delle vecchie canzoni con un nuovo stile e per scriverne di nuove: i risultati sono stupefacenti ma poichè viviamo in paesi diversi il progetto procede a rilento (abbiamo bisogno ancora di tre canzoni per finire l'album)
 
Il titolo è stato scelto perchè Stephan aveva una foto di quando era bambino con sua madre che lo tiene mentre lui fa pipì sulla strada:la prima volta che l'ho vista ho subito pensato che sarebbe stata una grande cover ed ecco da dove spunta il titolo!
 Tanto per aggiungere un tocco di eccentricità all'album ho scritto una delle canzoni insieme al mio cane Ming. Si intitola Evil Clock ed è stata scritta l'11 settembre: io e Ming abbiamo visto la tragedia alla televisione e la canzone è nata da quella situazione (purtroppo Ming se ne è andato lo scorso ottobre). Ma prima che tu me lo chieda...no, lui non ha scritto Rabies is a killer!...
 
L'album conterrà anche la prima canzone che io abbia mai scritto intitolata Madman's song, che è stata pubblicata enell'antologia dei Black Widow cantata da Kay Garrett...

3) La nascita degli Agony Bag coincide più o meno con la seconda grande rivoluzione musicale rock, la nascita del punk, della nwobhm, la new wave... cosa ti ricordi di quei giorni cosi frenetici? Avevate percepito l'imminente cambiamento, ne eravate pienamente coinvolti?

 
Gli Agony Bag nacquero prima che il punk diventasse popolare. Fu solo più tardi che capimmo che era lo stesso tipo di cosa che noi stavamo suonando...
Immagino che fosse l'aggressività presente nelle canzoni e sul palco che si adattava con lo stile punk ma devo dire che non c'è mai stata una band come gli Agony Bag: mentre i Sex Pistols comparivano sulle prime pagine dei giornali per aver bestemmiato in tv, gli Agony Bag facevano sesso sul palco con ragazze e ragazzi...
Mi fa ridere quando vedo gente come Eminem che pretende di usare seghe elettrich sul palco: se fossero stati gli Agony Bag ci sarebbe stato di certo un sacco di sangue vero (probabilmente il mio)! Eravamo quattro persone diverse ma quando ci mettemmo insieme era pura dinamite...

4) Un'altro tuo progetto solista, forse il meno conosciuto, è quello dei Dr Pesky: il nome deriva dai Pesky Gee, la formazione pre-Black Widow che incise un album di cover nel 1969, ma immagino che la musica di Dr. Pesky sia ben diversa... ho letto da qualche parte che si tratta di una sorta di crossover fra i Kiss ed Alex Harvey?!?!

Dio ti aiuti se se dovessi mai incontrarmi come Dr Pesky: è un'altra parte di me e sfortunatamente pootrebbe essere quella vera! Sì, il nome deriva da Pesky Gee! E' bello tenere vivo il nome di quella band dopo tutti questi anni...E' stato un grande divertimento.

Dr. Pesky è uno one man show come non ne hai mai visti: la sua prima release arà quest'anno con un album che verrà distribuito in Canada. Contiene una canzone che ho scritto pochi anni fa, intitolata Magic storybook...Speriamo che i Canadesi non l'ascoltino con troppa attenzione, altrimenti... dubito che distribuiranno l'album....
Mi chiedo come hai fatto a venire a conoscenza di questo mio progetto: lo tengo molto segreto... immagino sia crazy pop music...
Pensi chesia un incrocio tra i Kiss e Alex Harvey? No, è più in stile Agony Bag... Dr. Pesky è più come Lily Savage e Margaret Thatcher  fatti di speed!...

5) Molte canzoni dei Black Widow, soprattutto in Sacrifice, riflettevano un forte interesse verso l'occultismo assai inedito per quegli anni... cosi come i vostri spettacoli live, piuttosto in anticipo sui tempi, contenevano elementi in grado di scatenare lo scandalo dei benpensanti: l'attrazione verso l'occulto ed il demoniaco era più legato alla cultura pop e psichedelica di quegli anni oppure celava un più intimo interesse verso certi argomenti? La fine della vostra immagine "satanica" è stato dovuta dai cambiamenti di line-up oppure dall'esigenza di sperimentare altri stili musicali?

E' un po' difficile risponderti perchè l'album Sacrifice è stato scritto per la maggior parte da Jim Gannon, sebbene il pezzo più popolare, Come to the sabbat sia stata co-scritta da me...
 
La storia dei Black Widow è ben conosciuta. Sacrifice è l'album numero uno di magia nera ma ci procurò all'epoca molti problemi...
Non potevamo andare neli USA perchè Charles Manson aveva appena commesso i suoi omicidi, il nostro management scelse i Black Sabbath, un gruppo con il quale venivamo spesso scambiati . Questo rese le cose ancora più confuse...E nessuno volve suonare la nostra musica perchè era connessa con quanto la stampa pensava fosse un soggetto malvagio...

Il nostro management ci chiese allora di cambiare e di trasformarci in unaordinaria rock band. Clive Box ed io eravamo contrari ma il resto della band, Jim e Kip, accettarono questa idea e ciò causò una frattura nel gruppo: Clive Box venne licenziato, nessuno mi dava retta e il gruppo, beh,  si sciolse...ma abbiamo registrato parecchie buone canzoni...Tentai di tenere unita la band ma era un compito molto difficile e Kip e Jim che avevano provocato il cambiamento se ne andarono...Arrivati a quel punto il momento della band era passato...
 
Non è stato uno dei migliori periodi della mia vita...

6) Spesso capita di mettere sullo stesso piano Black Widow, High Tide e Black Sabbath, band ritenute in genere come gli iniziatori del dark rock... C'è stata realmente una comune e spontanea visione artistica, indifferentemente dalle evidenti differenze stilistiche, oppure si è sviluppato dal caso? Quali sono state le band di quegli anni che hai ammirato di più?

Bene, tutti consciamo il paragone con i Black Sabbath...Credo che abbiamo aiutato la loro carriera anche se non lo hanno mai ammesso...ma non nutriamo nessun rancore...erano tutti bravi ragazzi...Ricordo il nostro primo incontro in Germania a un festival: ci salutarono come fratelli perduti da lungo tempo...
Mi sarebbe solo piaciuto che ci avessero dato un po' più di credito: so che la moglie di Ozzie, Sharon, chiese che non venissimo menzionati sul loro DVD: è un vero peccato, ma credo che dipenda da cose personali che sono accadute tra uo padre e il nostro manager, che hanno lavorato insieme molti anni fa...
In quanto al tema della magia nera credo che nessuno ci è arrivato tanto vicino quanto i Black Widow...
 
Band che ho ammirato? Beh, credo Arthur Brown con il quale ho contatti ancora oggi: dovevanmo registrare un disco insieme con gli italiani Standarte ma fino ad oggi non è ancora successo nulla...E poi i King Crimson, che  mi impressionarono molto. Per il presente direi gli italiani Death SS, che si sono basati sui Black Widow e con i quali ho recentemente registrato. Diventeranno grandi se solo gli verrà data la giusta occasione...E poi amo Dionne Warwick e Dusty Springfield ...così immagino che le mie influenze siano molto varie...
 
Penso che sia importante essere influenzati da molti stili diversi: dagli anni '60 Phil Spector e il suo wall of sound (gruppi come Ronettes / Crystals / Ike, Tina Turner /Darlene Love) mi hanno fornito grandi idee per le canzoni e hanno rappresentato l'inizio della vera heavy music...

7) La tua crescita come sassofonista è stata più influenzata dalla musica jazz o dal blues? L'equilibrio strumentale dei Black Widow, l'ecletticità della musica che spazia attraverso un ampio raggio di stili (dal jazz al folk sino alla classica) sono tutti elementi che hanno caratterizzato i vostri lavori...

Come sassofnista sono stato influenzato da molti stili...il jazz, il blues, certo...Ma il mio preferito resta Junior Walker della label Motown. Era un grande musicista e il re degli squeaks. Per molti anni ho suonato in una band chiamata Dirty Duvet. Avevamo il blend perfetto di sax e rock: non è facile riuscirci ma per noi funzionò...
 
8) L'incontro fra il rock e la cultura horror ora è soprattutto rappresentato da movimenti musicali estremi come il black metal oppure da un certo tipo di musica ambient-industriale: la violenza utilizzata da queste musiche per diffondere messaggi non proprio condivisibili (spesso alimentati da sentimenti razzisti o misantropici) probabilmente sarebbe stata inconcepibile sul finire degli anni '60... qual'è la tua opinione su questo interessante e controverso fenomeno???

Cosa intendi con Black Metal?? Io l'ho suonato tanti anni fa con i Black Widow. Beh, chi può saperlo, potrei rifarlo ancora una volta ma quando lo faccio lo faccio sul serio!
 
Spero di realizzare un nuovo album dei Black Widow in futuro, di tornare a come avrebbe dovuto davvero essere il secondo album; questa volta con grandi parti vocali. Ho lavorato con Geoff  (Griffiths, ndr) dei Black Widow per alcuni mesi e abbiamo discusso di questa eventualità...
 
Anche Kay Garrett ha dimostrato un certo interesse e mi piacerebbe lavorare ancora con lei: vedremo che cosa ne salterà fuori... Potrei anche esplorare direzioni diverse, potrebbe essere divertente. Comunque sia....Dr Pesky/ Black Widow / Agony Bag sono sicuro che mi divertirò: aspetta e vedrai...
 

drive index | musica | speciali
Drive Magazine Copyright 1999-2004 Stefano Marzorati
scrivete a drive