+ introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs

   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   +
links



   +
Master: testi di "On the Seventh"
   +
Master's Hammer official site
   +
Master's Hammer: testi
   +
Masters of Reality
   + Masters of Reality fan site
   +
Megadeth: official site
   +
Megadeth: il sito di Nick Menza
   +
Megadeth: testi

 
    +
  Metal-rules.com


 

 
voi siete qui: drive index > R&H encyclopedia > indice delle schede > M > Master
M

MASTER
Una delle band thrash/death metal più leggendarie della storia del genere. Non c'è titolo o quasi di una loro canzone che non abbia ispirato qualche gruppo: i Funeral Bitch, i Terrorizer, i Mangled Dehumanization. Si sono formati nel 1983 a Chicago, con Paul Speckmann alla voce e al basso, Chris Mittelbrun alla chitarra e Bill Schmidt alla batteria. Dopo la mancata realizzazione del debut album e il successivo scioglimento, Speckmann passa attraverso diverse esperienze con altri gruppi, tra cui gli Assault e i Funeral Bitch. Progetta poi una ricostituzione dei Master e nel 1989, finalmente, la Nuclear Blast offre loro un contratto, grazie al quale realizzano l'album d'esordio, uscito nel 1990. In On the Seventh Day God Created Master (1992), Speckmann viene affiancato da Aaron Nickleas alla batteria e dal chitarrista Paul Masvidal. John Tardy, degli Obituary (v.), partecipa in qualità di ospite.

Formazione:Paul Speckmann: v, bs / Paul Masvidal: ch / Aaron Nickleas: bt
Discografia:
Master (Nuclear Blast), 1990; On the Seventh Day God Created Master (Nuclear Blast), 1992; Collection of Souls (Nuclear Blast), 1993; Faith Is in Season (Pavement), 1998; Let's Start a War (System Shock), 2002

MASTER'S HAMMER
Cecoslovacchi, hanno realizzato diversi album e qualche demo-tape. Sono un'insolita e funesta band di Praga che propone una miscela di suoni neri e occulti accompagnati da testi gotici e decadenti, cantati in lingua madre. Sono accomunabili, per certi aspetti, a gruppi come Rotting Christ e Bathory.

Discografia: Rituál (Monitor),  1990; Klavierstuck (Powerslaughter), 1992;  The Jilemnice Occultist (Osmose Productions), 1992; S"lágry (Kron-H), 1996; A Tribute to Master's Hammer (Redblack), 2000


MASTERS OF REALITY
Quartetto di Syracuse. La copertina apribile del primo disco, Blue Garden (1989), sembra riesumata dalla migliore tradizione dark dei primi anni Settanta, con l'immagine notturna di una vecchia casa e di un parco con alcune statue. avvolte da una vegetazione rigogliosa e immerse in una luce lunare e irreale. L'interno, poi, è costellato di strani simboli magici ed esoterici. Tuttavia il gruppo si dimostra meno sabbathiano di quanto non riveli il nome scelto (ispirato appunto al celebre brano del repertorio di lommi e soci) e solo brani come Theme for the Scientists, la title track e Kill the King evocano genuine sensazioni dark, forse perché la voce del cantante Chris Goss manca della necessaria carica medianica. Solo la chitarra di Tim Harrington, talvolta, ricalca i suoni di quella del leggendario Toni lommi. A complicare le cose contribuisce ulteriormente la photosession fuorviante di cui il gruppo beneficia per la presentazione sulla rivista "Kerrang", che crea attorno ai quattro musicisti dell'East Coast un alone magico che, muscalmente, non viene suggerito con sufficiente compiutezza. Insomma, la parte oscura dei Masters of Reality si scontra con la realtà di brani come Lookin' to Get Rite e John Brown, saldamente legati ai Seventies. In ogni caso, l'operazione attuata dal gruppo rivela sufficienti connotati di stranezza e risulta, per molti versi, affascinante. Essenzialmente Blue Garden è un album psichedelico, dove si ascoltano tonnellate di influenze musicali (Hendrix, i Cream, gli Zeppelin e naturalmente i Sabbath). Recentemente, dopo l'avventura dei Bogeymen, circolano voci su una possibile riunione del gruppo.

Formazione:
Chris Goss: v, ch / Tim Harrington: ch / Googe: bs / Vinnie Ludovico: bt
Discografia: Blue Garden (Def American), 1989; Sunrise on the Sufferbus (Chrysalis), 1992; How High the Moon (Malicious Vynil), 1997, live; Welcome to the Western Lodge (Brownhouse), 1999; Deep in the Hole (Brownhouse), 2001; Flak'n'Flight (Brownhouse), 2002


MEGADETH
Storica formazione del thrash metal made in Usa. Con Hook in Mouth lanciano un attacco intelligente e abrasivo contro il PMRC e la censura: "Un piccolo uomo con una grande gomma che cambia la storia. Riscrive ogni storia e poesia che esista, rimpiazza il giusto con l'errato, i documenti e i dischi nelle scuole. Mettete le vostre mani sulla mia maglietta, tirate le corde che mi fanno lavorare. Le prediche partono, le parole cadono come un pesce con l'amo in bocca. Non sono un pesce. Sono un uomo. L'amo in bocca". Nel 1989 partecipano alla colonna sonora di Shocker, di Wes Craven, con la cover di No More Mr. Nice Guy, un classico di Alice Cooper e con Demon Bell (The Ballad of Horace Pinker). Il video tratto dalla canzone, che vede lo stesso Cooper ospite nelle vesti di boia, intento ad eseguire la condanna a morte di Mustaine sulla sedia elettrica, viene successivamente bandito da MTV perché la scena è ritenuta troppo violenta. Con l'ultimo Countdown to Extinction (1992), Dave Mustaine sfodera altri esempi del suo stile lirico, come nell'autobiografica Skin O'My Teeth, un brano dove rievoca le sue esperienze con le droghe. Ma anche Architecture of Aggression la dice lunga sulle capacità compositive del personaggio: "Le grandi nazioni sono costruite dalle ossa dei morti. Con fango e paglia e sangue e sudore. Conosci i tuoi meriti quando i tuoi nemici lodano la tua architettura di aggressione". La cover del disco mostra un vecchio avvizzito, rinchiuso in una cella, sollevato a mezz'aria da una forza misteriosa. E sul retro appare un pallottoliere dove le palline sono sostituite da teschi. Al di là di questi esempi, gran parte del repertorio del gruppo presenta brani ricchi di metafore macabre: gli spettri di Mary Jane, i rituali violenti di Last Rites, The Skull Beneath the Skin, Rattle Head (il sinistro individuo con volto di teschio che è diventato la loro mascotte), la polemica riflessione di Looking Down the Cross, Wake Up Dead, Devil's Island, Bad Omen e Black Friday. Tra l'altro il video di Hangar 18 (tratto da Rust In Peace) contiene momenti di grafico gore nella scena in cui uno scienziato estrae il cuore di una creatura aliena.
La band si è sciolta nel 2002.

Formazione:Dave Mustaine: v, ch / Marty Friedman: ch / David Ellefson: bs / Nick Menza: bt
Discografia: Killing ls My Business... and Business Is Good (Combat), 1985; Peace Sells... But Who's Buying? (Capitol), 1986; So Far So Good... So What! (Capitol), 1988; Rust In Peace (Capitol), 1990; Countdown to extinction (Capitol), 1992; Youthansia (Capitol), 1994; Hidden Treasures (Capitol), 1995; Cryptic Writings (Capitol), 1997; Risk (Capitol), 1999; The World Needs a Hero (Sanctuary Records), 2001; Still Alive...And Well? (Sanctuary Records), 2002

pagina successiva > M > Mekong Delta - precedente > M > Malevolent Creation

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2009 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto | drive © stefano marzorati 1999-2009 | a true romance production