voi siete qui: drive index > the rock and horror encyclopedia > indice delle schede > L > Living Death
 

Introduzione

La bellezza del diavolo, di Gianfranco Manfredi

Teenage Death Songs e altre storie di ordinaria dannazione

Indice alfabetico delle schede dei gruppi e degli artisti presenti nella Rock and Horror Encyclopedia

Discografie

Links

Bibliografia


L

LIVING DEATH

Formati nel 1980 dai fratelli Kelch, i Living Death sono stati tra i primi propagatori del verbo thrash in terra tedesca. Caratterizzati da un'estrema violenza, espressa sia nella musica che nei testi e nella grafica dei loro dischi (l'immagine dell'ep Back to Weapons, del 1986, ritenuta troppo forte, venne in parte mascherata con un grosso adesivo bianco), sono sopravvissuti, dopo alterne vicende, fino al 1988, anno di uscita dell'ultimo Worlds Neuroses.

Formazione: Thorsten "Toto" Bergmann: v / Franck Fricke: ch / Georgie: ch / Lemmy: bs / Atomic Steif: bt

Discografia: Vengeance of Hell (Mausoleum), 1984; Metal Revolution (Earthshaker), 1985; Protected from Reality (Aaarrg), 1987; World Neuroses (Aaarrg), 1988
LIZZY BORDEN

Portabandiera di un heavy metal teatrale e oltraggioso, improntato allo shock, il gruppo nasce a Los Angeles nel l983, ad opera dello stesso Lizzy Borden, leader e cantante della formazione. Dopo aver partecipato all'antologia Metal Massacre, il gruppo firma un contratto con la Metal Blade, per la quale viene inciso il mini lp Give 'em the Axe (1984). Il successivo album, Love You to Pieces, delinea ulteriormente gli orizzonti della band: un heavy metal scandito con durezza, nel quale trovano però spazio ampie aperture melodiche. A testi-monianza di una frenetica attività live, dove i Lizzy impongono sempre più una teatralità splatter che si rifà alla lezione di Alice Cooper (v.), viene pubblicato nel 1986 I'album doppio The Murderess Metal Road Show, che viene accompagnato contemporaneamente dall'uscita di un video con lo stesso titolo. I1 1987 li vede presenti con un brano nella colonna sonora di Morte a 33 giri, diretto da Charles Martin Smith, un soft horror ironico che prende spunto dalle polemiche sui messaggi subliminali e sul rock demoniaco. Nello stesso anno vede la luce un secondo mini Ip, Terror Rising, che contiene la cover del classico dei Jefferson Airplane White Rabbit. I successivi capitoli della discografia del gruppo (Visual Lies, 1987, e Master of Disguise, 1988) non mostrano particolari evoluzioni nel sound, condannando i Lizzy Borden a una ripetizione di schemi ormai troppo ripetitivi. Master of Disguise segna anche l'uscita dal gruppo dei due chitarristi Holmes e Allen, che vengono sostituiti in studio da diversi ospiti.

Formazione: Lizzy Borden: v / Gene Allen: ch / Jesse Holmes: ch / Mike Davies: bs / Joey Scott Harges: bt

Discografia: Give 'em the Axe (Metal Blade), 1984, mini lp; Love You to Pieces (Metal Blade), 1985; The Murderess Metal Road Show (Metal Blade), 1986, live+studio; Menace to Society (Metal Blade), 1986; Terror Rising (Metal Blade), 1987, mini lp; Visual Lies (Meta] Blade), 1987; Master of Disguise (Metal Blade), 1988

pagina successiva > L > Loudblast - precedente > L > Laaz Rockit

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2010 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto | drive © stefano marzorati 1999-2010 | a true romance production

links

LIZZY BORDEN
sito ufficiale