voi siete qui: drive index > the rock and horror encyclopedia > indice delle schede > J > Jerusalem

Mappa della Rock and Horror Encyclopedia

Introduzione

La bellezza del diavolo, di Gianfranco Manfredi

Teenage Death Songs e altre storie di ordinaria dannazione

Indice alfabetico delle schede dei gruppi e degli artisti presenti nella Rock and Horror Encyclopedia

Discografie

Links

Bibliografia

J

JERUSALEM

Con loro il verbo del rock cristiano nasce nelle fredde regioni del Nord europeo. Tuttavia la fama di questo gruppo svedese ha ben presto varcato l'oceano, imponendolo come una delle formazioni piu' ammirate dal pubblico statunitense appassionato di rock carico di connotazioni religiose.

Formazione: Ulf Christiansson: v, ch / Reidar T. Paulsen: tast / Peter Carlsohn: bs, v / Michael Ulvsgard: bt, v

Discografia: Jerusalem vol. 1 (Myrrh), 1979; Jerusalem vol. 2 (Myrrh), 1980; ; Warrior (Myrrh), 1982; In My Dreams (Refuge), 1985; In His Majesty's Service (WRM), 1987, live; Dancing in the Head of the Serpent (Refuge), 1988
JESTER'S MARCH

Svedesi. Sono autori di un metal oscuro, epico, progressivo e grintoso.

Discografia: Beyond (Steamhammer), 1992
JOUISSANCE

L'inteesse negli estremi delle sensazioni umane collega diversi gruppi come gli Skin Chamber e i Jouissance (una parola francese che significa climax), un'altra formazione che utilizza il medium della musica elettronica per evocare sentimenti e sensazioni di agonia e di estasi. Il gruppo e' formato in realta' da un solo componente, Michael Sefton. "Sono interessato nelle estremita' dell'emozione umana. Mi interessano la gioia e la tristezza, il piacere e la pena". Il sound di Sefton e' prodotto digitalmente e fa largo uso, come in altri sperimentalismi, della tecnica di campionamento. "Amo i film horror, cose come Bloodsucking Freaks, Deranged e Henry. Sono sempre stato attratto dalla parte piu' oscura delle cose", spiega il compositore, "da una visione del mondo che e' allo stesso tempo caotica e violenta". La foto di copertina dell'album Sunlight Penetrates the Crown e' esemplificativa di questa filosofia e del tipo di atmosfera che l'artista intende evocare : mostra una macchia di sangue che bagna l'erba di un'anonima radura persa nelle campagne inglesi. Una traccia minima, dunque, ma sufficiente per indurre l'ascoltatore a lasciarsi trasportare in un viaggio, un'escursione mentale allucinata e disturbante.


pagina successiva > K > Karen Black - precedente > I > Incubus

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2004 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto | drive © stefano marzorati 1999-2004 | a true romance production