ARCHIVIO:

Cinema/DVD World: Gli spietati, di Paolo Ferrara

Cinema/DVD World: Jabberwocky, di Paolo Ferrara

Generazione X, di Paolo Ferrara, di Kevin Smith

The Black Hole, di Paolo Ferrara

Il mago di Oz, di Paolo Ferrara

 
voi siete qui: drive index | cinema | DVD World | Hong-Kong Express

HONG-KONG EXPRESS (1995). Regia e sceneggiatura: Wong Kar-Wai; Interpreti: Brigitte Lin Chin-Hsia, Takeshi Kaneshiro, Tony Leung Chiu-Wai, Valerie Chow, Faye Wang; Direttore della fotografia: Christopher Doyle; Montaggio: William Chang - Hai Kit-Wai - Kwong Chi-Leung: Scenografia: William Chang; Musica: Frankie Chan, Roel A. Gracia; Produzione: Chan Yi-Kan per la Jet Tone Production Co. LTD; (Hong Kong, 1995); Durata: 100'

Tra i numerosi titoli che stanno sommergendo il mercato dvd in quest’ultimo periodo sono tanti i titoli che fanno brillare li occhi di appassionati o occasionali spettatori che hanno avuto la possibilità di godere di film passati assolutamente in sordina.
Di questi fa parte Hong-Kong Express, del cinese Wong Kar-Wai, ora famoso grazie al pluripremiato In the Mood for Love.
Uscito in videoteca e recentemente allegato alla rivista Dvd Wolrd, prodotto dalla BIM, come tanti altri titoli passati in sordina esce in un dvd scarno, privo di contenuti speciali.
Il film è costituito in realtà da due diverse storie, collegate tra di loro per alcuni elementi comuni e contatti tangenziali.
Sono le storie di due poliziotti, 223 e 663, entrambi appena lasciati dopo una storia d’amore importante, entrambi vittime delle proprie ossessioni.
Per 223 c’è la data di scadenza, sui barattoli di ananas e le storie d’amore; c’è il telefono, con cui chiama alternativamente la famiglia della propria ex e tutte le donne che ha conosciuto dalle elementari in poi alla ricerca di un nuovo rapporto e continuando a sperare nel ritorno del vecchio.
Per 663 l’ossessione è la propria casa: è diventato come cieco e sordo al resto del mondo e parla solo con gli oggetti del proprio appartamento.
223 corre per sfogare frustrazione e tristezza, fa piangere il corpo per evitare di piangere lui stesso. Fino all’incotro con una donna, il contatto con una misteriosa avventuriera, una criminale di cui 223 non sa e non saprà nulla. Allora quell’incontro, quel leggero sfiorarsi tra le loro vite dopo due chiacchiere in un bar cambia le cose.
663 è diventato talmente insensibile al mondo esterno da non rendersi conto delle trasformazioni che subisce il suo appartamento dopo che ha conosciuto la commessa di un negozio di cibarie, Faye. La ragazza infatti, invaghita di lui, visita di nascosto la sua abitazione ogni giorno, pulendola e ravvivandola, come nella ricerca di ravvivare la vita di lui, che continuerà ad incolpare gli oggetti di mancare di rispetto al dolore dell’assenza di “lei”, la ex.
Lieve, dolce con una punta di amaro, Hong Kong Express è un poetico film di vite che si sfiorano, che si toccano e che, inevitabilmente si cambiano, che non meritava di passare in sordina alla sua uscita cinematografica e meritava di essere recuperato, sperando che la veste digitale avvicini un e incuriosisca un pubblico maggiore.

© 2003 Paolo Ferrara - per gentile concessione dell'autore

   drive index | cinema | DVD World: archivio

Copyright 1999-2010 Stefano Marzorati | a True Romance Production
scrivete a drive