+ introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs

   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   +
links




   + His NAme Is Alive: intervista
   +
HNIA: Breath the Air and Walk Around
   + His Name Is Alive: discografia
   +
  Holy Moses: official website
   +  Holy Moses: official american homepage
   +  Holy Moses: testi Reborn Dogs
   +  Holy Moses: testi
   +  Holy Terror: Welcome to the Netherworld
   +  Holy Terror: testi





 
   +
  HNIA; Someday My Blues...
   +  Holy Moses: Disorder of the Order
   +  Holy Terror: Mind Wars




voi siete qui: drive index > R&H encyclopedia > indice delle schede > H > His Name Is Alive
H

HIS NAME IS ALIVE
Trio di Detroit davvero singolare. debuttano nel 1991 con Livonia, un'opera inquietante e oscura dove convergono diverse influenze mutuate da gruppi come i Dead Can Dance, This Mortal Coil e Cranes. Sibili e rumori, spettrali apparizioni , fredde esplosioni dal silenzio illuminano brani come How Ghosts Affected Relationships (singolo stampato prima dell'uscita dell'album), Darkest Dreams, Fossil, Caroline's Supposed Demon, sostenuti dagli effetti ipnotici di una base percussiva incessante che contribuisce a delineare un sound tra trance e ipnosi.

Formazione: Warren Defever: ch / Karin Oliver: v / Angie Carozzo: v
Discografia: Livonia (4AD), 1991; Home Is in Your Head (4AD), 1991; Mouth By Mouth (4AD), 1993; Nice Day (4AD), 1996; Stars on ESP, (4AD), 1996; Fort Lake (4AD), 1998; Always Stay Sweet (4AD), 1999; Someday My Blues Will Cover The Earth (4AD), 2001; Last Night (4AD), 2002

HOLY MOSES
Gruppo di thrashers tedeschi capitanato dai coniugi Andy e Sabina Classen. Esordienti con i due demo Walpurgis Night e The Bitch, gli Holy Moses hanno accumulato una carriera più che decennale. Ritmiche devastanti e un grande impatto frontale caratterizzano lo stile del gruppo, improntato a una grande intensità e a una padronanza tecnica indiscutibile.

Formazione:
Sabina Classen: v / Andy Classen: ch / Reiner Laws: h / Thomas Becker: bs / Ulli Kusch: bt
Discografia: Queen of Siam (Aaarrg), 1986; Finished with the Dogs (Aaarrg), 1987; The New Machine of Liechtenstein (WEA), 1989; World Chaos (Virginia), 1990; Reborn Dogs (Virginia), 1992; Too Drunk to Fuck - Best Off (SPV), 1992; No Matter What's the Cause (SPV/Steamhammer), 1994; Master of Dedaster (Century Media), ep, 2002; Disorder of the Order (Century Media), 2002

HOLY SOLDIER

Prodotti dall'ex Bloodgood David Zaffiro, gli Holy Soldier sono una formazione di christian rockers sorretta dalla voce inquietante (e quasi femminile) di Steven Patrick.

Discografia: Last Train ( Word), 1992

HOLY TERROR

Band underground di speed metal con base a Los Angeles. Il chitarrista Kurt Kilfelt fonda il gruppo dopo avere lasciato gli Agent Steel, con l'aiuto dell'amico di vecchia data Floyd Flanary. Due mesi prima del debutto della band su disco, con Terror and Submission (1896), il batterista originale Joe Mitchell viene rimpiazzato da Jack Schwartz. Il successivo tour promozionale guadagna al gruppo una conisderevole attenzione da parte della critica europea. La Roadracer Records, in seguito a questa fama, li ingaggia e pubblica una versione rimixata del primo album, che coincide con un tour americano della band insieme a Kreator e DRI. Il secondo album della band, Mind Wars (1988), ha il supporto della major MCA. Il tema degli opposti in conflitto appare frequentemente nei testi del gruppo: ci interessano entrambi gli aspetti della vita. Il Bene e il Male. Descritto come una grossa palla di rumore che viaggia alla velocità di trecento miglia all'ora, gli Holy Terror hanno creato uno speed metal estremo ed evoluto, dotato di una notevole rabbia esecutiva che sfocia nella violenza sonora di episodi come Black Plague, Blood of the Saints, Mortal Fear, Alpha Omega - The Bringer of Balance, Judas Reward e Damned by Judges (che viene introdotta da un frammento di dialogo tratto da Io confesso di Hitchcock). Corpi deformi e straziati appaiono sulle cover dei due album, disegnate dal pittore Rick Araluce. "Ci piace", commenta Kilfelt, "perchè il suo stile incute paura, sintetizza nel disegno gli estremi della vita in una visione spirituale". E a proposito del significato della cover di Mind Wars aggiunge: "La croce rappresenta l'umanita', mentre il serpente è il male che la sta torturando. Il serpente guarda in alto perchè vede arrivare in soccorso dell'umanità Dio, la luce, il guardiano...".

Formazione: Keith Deen: v / Kurt Kilfelt: ch / Mile Alvord: ch / Floyd Flanary: bs / Joe Mitchell: bt
Discografia: Terror and Submission (Under One Flag), 1987; Mind Wars (Under One Flag), 1988

HONEYMOON KILLERS

Band mitica del punk underground statunitense. Canzoni come Night After Night con tanto di urla, gemiti e sirene della polizia, rappresentano la colona sonora ideale per incubi metropolitani di celluloide. Let It Bleed, l'album del 1986, contiene poi alcuni macabri e memorabili omaggi al cinema dell'orrrore: Day of the Dead, Brain Dead Bird Brain, il voodoobilly di Injun Joe, Dip It in the Grave. Piu' avanti si sono dati all'oltraggio sessuale con l'ultimo Turn Me On, uscito nel 1988.

HORRIFIED

Gruppo greco prodotto dalla Black Power, un'etichetta indipendenee che supporta gruppi nazionali. Il loro black doom, caratterizzato da alcuni inserimenti di tastiere, ricorda quello dei connazionali Rotting Christ.

HOUSE OF USHER

Gruppo svedese di speed metal. Gli House of Usher hanno preso spunto per il loro nome dal capolavoro di Edgar Allan Poe e sono fautori di un sound abbastanza coinvolgente e maturo. Nell'ep d'esordio, Battle of the Spectrum (1992) compare anche una cover di Perished and Forgotten dei mitici Asmodeus.

Discografia: Battle of the Spectrum (CBR), 1992, ep

pagina successiva > I > Iced Earth - precedente > H > Hades

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2010 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto | drive © stefano marzorati 1999-2010 | a true romance production