+ introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs

   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   +
links




   + Hellion: intervista con Ann Boleyn
   +
Hellion: il sito ufficiale
   + Ann Boleyn: SCreams in the Night
   +
  Hellion: testi Black Book
   +  Helloween: il sito ufficiale
   +  Helloween; testi
   +  Helloween; recensioni


      + The Gothic Milieu
   + A tribute to Nordic Black Metal
   +
  deathmetal.com


 
   +
  Helloween: recensioni


HELLION
Fin dagli inizi della loro carriera gli Hellion sono stati associati ad immagini di spiriti e folletti. Pare infatti che il gruppo si sia formato in una famosa casa infestata, la Haunted House of Horror, una specie di rifugio per muscisti sbandati della zona di Los Angeles, usata un tempo per esperimenti dai parapsicologi dell'UCLA. Proprio qui, secondo le cronache, il gruppo tenne il suo primo concerto e formo' il suo stile. Screams in te Night (1987) conteneva i brani Better Off Dead, The Hand, Put the Hammer Down, Children of the Night e l'omonima Screams in the Night. Episodi che esprimono la volonta' della cantante, Ann Boleyn, di creare un heavy metal gotico in cui poter tasferire le proprie velleita' letterarie. Anche l'opera successiva, il mini lp Postcards from the Asylum (1988) si colloca nella stessa direzione, consolidando un progetto che viene continuamente afflitto da cambi di formazione. Per l'ultimo The Black Book (1990), la Boleyn scrive una novella di fascino misterioso dallo stesso titolo, che viene pubblicata subito dopo l'uscita dell'album, e la cui trama ha ispirato tutte le canzoni del disco. La storia narrata nel libro nero si svolge sullo sfondo di un piccolo paese della Scozia, Moffat, dove la protagonista torna per scoprire un misterioso e terrificante segreto nascosto nel passato. Brani come Stormrider, The Discovery e The Warning sono dissertazioni di fantasia orrorifica discretamente efficaci cos“ come The Atonement e' una ballata velata di tristezza, che si trasforma poi in un calvario di devastazione. Nonostante gli sforzi compiuti e una forte volonta' di emergere, il giorno della gloria e del successo è sempre stato troppo lontano per Ann Boleyn e i suoi compagni di avventura.

Formazione:Ann Boleyn: v / Alan Barlam: ch / Sean Kelley: bt
Discografia:
Hellion (Roadrunner), 1983, mini lp; Screams in the Night (MFN), 1987; Postcards from the Asylum (MFN), 1988; The Black Book (MFN), 1990 : Up from the Depths (New Renaissance), 1998; Live and Well in Hell (New Renaissance), 1999; The Witching Hour (New Renaissance),ep, 1999; The Uh-Oh Live cd (New Renaissance), 2000;

HELLOWEEN

Formatisi nei primi anni Ottanta, gli Helloween segnano un momento decisivo della loro carriera nel 1985, quando foirmano un contratto con la Noise, l'etichetta principe del thrash tedesco. Il contratto frutta dapprima un mini lp, Helloween, e, subito dopo, il primo album del gruppo, Walls of Jericho. Entrambi i prodotti ricuotono un grosso successo di pubblico, catapultando il gruppo nel firmamento delle rock star internazionali. Con uno stile che si richiama molto ai Metallica e agli Iron Maiden, il gruppo realizza nel 1987 il primo capitolo di una saga in due parti dai risvolti fantascientifici, intitolata Keeper of the Seven Keys. Il secondo, pubblicato l'anno dopo, completa il lungo concept e mette in luce un'attitudine ironica e vagamente impegnata presente nei testi. In realtà, nonostante l'adozione di un'iconografia dai toni vagamente orrorifici, l'adesione degli Helloween a certe tematiche di genere si limita soltanto a pochi accenni colorati di umorismo. Così che la temibile zucca halloweeniana si trasforma sulle copertine dei loro dischi in una sorta di innocua e familiare mascotte per il loro fans. In anni piu' recenti Pink Bubbles Go Ape (1991) ha confermato questa tendenza, allontanando ogni residuo dubbio sulle reali vocazioni della band.

Formazione: Michael Kiske: v / Kai Hansen; ch / Michael Weikath: ch / Markus Grosskopf: bs / Ingo Schvichtenberg: bt
Discografia: Helloween (Noise), 1985, mini lp; Walls of Jericho (Noise), 1986; Keeper of the Seven Keys part 1 (Noise), 1987; Keeper of the Seven Keys part 2 (Noise); Live in the U.K. (Emi/Noise), 1989, live; Pumpkin Tracks, 1989; Pink Bubbles Go Ape, 1991; Chameleon, 1993; The Master of the Rings, 1994; The Time of the Oath, 1996; High Live, 1996; The Pumpkin Box, 1998; Better Than Raw, 1998; Karaoke albums vol. 1 & 2,1998; Metal Jukebox, 1999; The Dark Ride, 2000

pagina successiva
> H > Helstar precedente > H > Hades

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2004 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto| drive © stefano marzorati 1999-2004 | a true romance production