voi siete qui: drive index > cinema > archivio recensioni > archivio recensioni 1 > Garage Olimpo  

 

GARAGE OLIMPO, regia di Marco Bechis, con Antonella Costa, Carlos Echeverria, Dominique Sanda, Chiara Caselli, Enrique Pineyro, Pablo Razuk; sceneggiatura: Marco Bechis e Lara Fremder; uscita: ottobre 1999; giudizio: ****

Un durissimo film-denuncia sulle atrocita' commesse dai militari nell'Argentina di Videla nel periodo 1975-1984. Luogo principale del'azione e' l'interno del Garage Olimpo, una grande officina per riparazioni auto a Buenos Aires, adibita dai militari a carcere duro e luogo di tortura.
Attraverso le vicissitudini di alcuni giovani oppositori al regime, arrestati e sottoposti alle violenze piu' inaudite, Marco Bechis ci mostra, senza retorica, un esaustivo spaccato del dramma dl ventennio di regime militare che causo' oltre trentamila desaparecidos.
E' un film crudo, senza compiacimenti per la violenza che mostra: da vedere, per non dimenticare una delle peggiori repressioni dell'ultimo ventennio.
Il regista ha sapientemente scelto il 1978, anno della coppa del mondo di calcio in Argentina, per mostrarci lo stridente accostamento di una festa sportiva di risonanza mondiale con gli occulti crimini contro l'umanita', consumati in contemporanea.
Bechis stesso, italiano trapiantato in Argentina nei primi anni Settanta, fu arrestato dai militari nel 1977.
Ribattezzato A01 e tenuto prigioniero per tre mesi, fu a sua volta torturato con scariche elettriche.
Del regista, ricordiamo anche il precedente Alambrado, ambientato in Patagonia, che segno' il suo debutto nel lungometraggio. Garage Olimpo ha avuto una menzione speciale al Festival di Cannes 1999 e ha riscosso grande successo all'ultimo Festival di Toronto.

webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto - drive copyright stefano marzorati 1999-2004 - a true romance production