Il sito ufficiale della Panini Comics

voi siete qui: drive index | fumetti | archivio recensioni | Gantz, l'ultima proposta Manga 2000

GANTZ, L'ULTIMA PROPOSTA MANGA 2000 di Paolo Ferrara

Planet Manga
, sottodivisione di materiale giapponese della Panini Comics/Marvel Italia, varò qualche tempo fa una collana denominata Manga 2000. All’interno di questa collana ogni mese appare un volume, in formato uguale all’originale e con sovracoperta, appartenente a una nuova serie di genere fantascientifico nata nell’isola del Sol Levante. Dato che si tratta di nuove produzioni le serie si alternano l’una all’altra in modalità spesso aperiodica, dipendendo in toto dalla velocità di produzione dell’autore originale.
All’interno di questa collana sono apparse alcune delle proposte più interessanti dell’editoria dedicata al fumetto giapponese di questi ultimi anni. Storie spesso cupe e dalle scelte grafiche spesso inusuali, caratterizzano una selezione di titoli decisamente oculata che non ha mancato di ottenere un certo successo. Serie come lo splendido Blame, dall’incredibile taglio grafico e architettonico inquietante e claustrofobico o il poetico Eden sono un chiaro esempio del tenore qualitativo e dell’orientamento della collana.
Gantz è l’ultimo nato, ma fin da subito dimostra di non aver nulla da invidiare ai suoi predecessori.
Il disegno, pulito ed interessante, è coadiuvato da un appoggio del computer, come già accadeva per un’altra serie apparsa su Manga 2000, Zero One, ispirata al mondo dei videogame.
La trama risulta fin da subito angosciante tanto quanto accattivante. Colpi di scena e situazioni arcaiche e inspiegate si susseguono con effetti ansiolitici all’ombra di un deus ex machina che fa percepire la sua sconosciuta presenza.
I personaggi, ottimamente caratterizzati, si trovano alla morte in una situazione straniante e alienata alla quale rispondono con violente reazioni dall’incredibile plausibilità. La componente psicologica subisce un ottima indagine.
Ma è l’inesplicabilità l’elemento di fascino maggiore della storia, queste situazione che lasciano trasparire un complesso meccanismo invisibile che i protagonisti, per ora non esattamente figure positive, sono costretti a subire senza possibilità di comprensione.
Il risultato è un volume dove ogni nuova pagina significa sorpresa, dove ogni nuova situazione significa non sapere dove andrà a parare.
L’unico difetto resta quello principale di una collana che pubblica serie così vicine alla produzione originale: l’attesa. Leggete questo volume con la cognizione di dover attendere alcuni mesi: può essere un problema ma come dico sempre, se l’attesa vale la pena…

© 2002 Paolo Ferrara - per gentile concessione dell'autore

  drive index | fumetti | archivio recensioni
Copyright 1999-2004 Stefano Marzorati | a True Romance Production
scrivete a drive