voi siete qui: drive index > cinema > archivio recensioni > Fatma

visita il sito della Mikado Film

FATMA (id.) Regia di Khaled Ghorbal, con Awatef Jendoubi, Bagdadi Aoum; sceneggiatura: Khaled Ghorbal; anno: 2001; produzione: Tunisia, Francia; commento: ***1/2

Lo stupro, la forma più vile e devastante di violenza sulla donna. Ancora più forte laddove la cultura del Paese lascia impunito il colpevole e colpevolizza la vittima.
Siamo in uno sperduto villaggio tunisino. Fatma, 17 anni, vive sola con suo padre e i suoi fratelli dopo la morte della madre. In una calda notte estiva, il cugino Taher, che vive con loro l’aggredisce nel sonno e la violenta. La vita di Fatma continua, la ragazza lascia il paese per andare a Tunisi ma il rapporto con il suo corpo e la sua sessualità non saranno più quelli che avrebbero dovuto essere. E la cultura dominante, maschilista, non sarà in grado (meglio dire non vorra?) di capirla e accettarla, nonostante i progressi nei costumi che il Paese sta compiendo, soprattutto nella capitale.
Presentato nella sezione Quinzaine des Realisateurs al Festival di Cannes 2001, Fatma è un asciutto film di denuncia, da un Paese dove alcuni argomenti rimangono comunque tabù.
Il regista Khaled Ghorbal (ricordiamo El Mokhtar, mai distribuito in Italia) evita sapientemente i leziosi manierismi di buona parte del cinema “terzomondista d’esportazione” contemporaneo - e forse proprio per questo non ha ricevuto alcun riconoscimento al festival di Cannes – per concentrarsi non solo sul dramma della ragazza, ma più in generale sulla condizione della donna in un Paese, la Tunisia, con ambizioni di aperture internazionali.
Fatma, ottimamente interpretata da Awatef Jendoubi, chiusa in una solitudine esistenziale immutabile, cerca di superare il suo dramma attarverso l’interazione con gruppi socio-culturali di riferimento diversi dal suo originario.
Purtroppo ogni suo sforzo si rivelerà vano e, giunta al momento della verità – la condivisione del suo terribile segreto con l’uomo che dovrebbe amarla per la vita – si troverà ancora più sola che in passato.

© Marco Ferrari - per gentile concessione dell'autore

webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto - drive © stefano marzorati 1999-2004 - a true romance production