navigazione
drive home page

cinema

home

recensioni

speciali

anteprime
articoli
eventi

rubriche

prossim@mente
strani oggetti
diario americano
dvd world


categorie

musica

cinema

libri

fumetti

database
libri sul cinema

 

contatti

 

 

drive magazine © Stefano Marzorati 2010

 

NEON GENESIS EVANGELION: E L'ANIMAZIONE GIAPPONESE NON FU PIU' LA STESSA...
di Paolo Ferrara

Dopo avere impiegato svariati anni per vedere la luce in un edizione completa in videocassetta, in pochi mesi Dynamic Italia ha messo in commercio sei dvd che presentano l’intera serie televisiva che alcuni anni fa sconvolse il Giappone.
Lo studio Gainax, già famoso con serie quali la verniana The Secret of Blue Water, noto in Italia come Il mistero della pietra azzurra, e Hideaki Anno, regista che si era fatto conoscere soprattutto con lo stravagante fantascientifico/robotica Gunbuster – Top O Nerae, da noi uscito solo in video (sempre per Dynamic) con il solo titolo di Gunbuster, hanno realizzato un opera travolgente che rilegge il tema robotico e lo porta su un pianoallucinante e ricco di possibili diverse letture.
La regia è strabiliante, innovativa, costantemente pronta a regalarci sorprese assolutamente inattese. La qualità tecnica è superlativa, le musiche bellissime e di grande atmosfera.
La storia è ambientata in un futuro vittima di pesanti cataclismi, e vede la Nerv, un organizzazione al soldo del governo, impegnata a combattere l’invasione degli Angeli, creature inquietanti, con l’aiuto degli Eva, misteriose macchine pseudo-umanoidi, guidate da ragazzini attraverso una simbiosi psichica. Tanti i segreti e i misteri dietro l’invasione degli angeli, così come dietro la Nerv, dietro i tre giovani piloti, Shinji, figlio di uno dei massimi capi della Nerv, la disarmante Rei e la folle Asuka e dietro molti dei numerosi personaggi che completano il cast.
Avvincente, a tratti disturbante, calamita ricca di suspense ma anche un intricato costrutto psicologico che ci porterà a sondare menti, rapporti e atteggiamenti ben oltre quello che ci si possa normalmente aspettare in un simile contesto.
I piani di lettura si moltiplicano e non c’è riferimento, non c’è sequenza, non c’è particolare che sia abbandonato al caso.
Il bilanciarsi di momenti di tensione, d’azione, d’introspezione o umoristici, funziona e sorprende.
La serie ha appunto stravolto le caratteristiche classiche dell’animazione seriale televisiva giapponese e conquistato il pubblico, divenendo uno dei maggiori successi degli ultimi periodi, scatenando ondate di merchandising (che ha travolto parecchio anche qui da noi), dando vita ai fenomeni più assurdi e disparati (per dirne una negli alberghetti dei quartieri a “luci rosse” giapponesi ce ne sono alcuni tematici dove le disponibili ragazze si acconciano come famosi personaggi dell’immaginario e per mesi la richiesta maggiore fosse per le ragazze conciate come Rei) ad una serie a fumetti (realizzata dallo stesso autore che si è occupato del esign della serie e che, se pur partendo dagli stessi presupposti del cartoon segue strade differenti) e a ben tre film cinematografici.
Il finale, criptico e stordente ha dato vita a numerosi dissensi, e i film cinematografici sono stati richiesti a tutta voce dai fan. I primi due però sono risultati un compendio della serie e solo il terzo ha finalmente fornito un nuovo epilogo alla serie. Per ora on si sa nulla del destino di questi tre film sul mercato italiano, am al momento possiamo tranquillamente accontentarci della cura superlativa che ha ricevuto questa serie televisiva, assaporarlee e farcene assolutamente travolgere e stordire, in un esperienza che non ci lascerà indifferenti.
È una scossa che consiglio a tutti di provare.

© 2003 Paolo Ferrara - per gentile concessione dell'autore