navigazione
drive home page

cinema

home

recensioni

speciali

anteprime
articoli
eventi

rubriche

prossim@mente
strani oggetti
diario americano
dvd world


categorie

musica

cinema

libri

fumetti

database
libri sul cinema


contatti

 

 

drive magazine © Stefano Marzorati 2010

 

ED WOOD (1985). Regia di TIM BURTON; Interpreti: Johnny Depp, Martin Landau, Sarah Jessica Parker, Bill Murray.
2005
recensione di Paolo Ferrara


Grande assente nella filmografia digitale di Tim Burton, fa finalmente il suo ingresso, diciamo pure trionfale, Ed Wood.
Con due Oscar, miglior trucco e il meritatissimo miglior attore non protagonista per Martin Landau, è forse il miglior film del regista dall’immaginario halloweeniano.
Ed Wood sta per Edward D. Wood Jr., ovvero quello che è stato considerato il peggior regista di tutti i tempi, di cui il film è biografia.
Ma la vera biografia che il film (e il suo regista) vuole tracciare non è la vita e “l’ascesa” dello strampalato regista, quando il rapporto e l’amicizia che questo instaura con una grande icona del cinema horror per cui prova una profonda ammirazione, Bela Lugosi. Un affetto e un’ammirazione che ricorda e fa pensare a quello che Burton provava nei confronti dello scomparso Vincent Price (che Burton riuscì a convincere a prestare la voce nel suo primo cortometraggio, realizzato in stop motion, su un ragazzo che voleva essere...Vincent Price, nonché ad averlo nel suo primo film importante, Edward mani di forbice, che fu anche l’ultima interpretazione dell’anziano attore).
Decadente, girato in bianco e nero, il film segue le (dis)avventure di questo eterossessuale dedito al travestitismo, amante di horror e fantascienza, che utilizza effetti speciali dei più infimi (quando non li ruba dai magazzini di Hollywood) e che crede fermamente nel suo sogno. L’interpretazione di Johnny Depp (attore icona di Burton) è splendida, regalando al personaggio un fascino di ingenuo e romantico delirio. E come Depp anche il resto del cast, tra cui risaltano nomi come Sarah Jessica Parker e Bill Murray, regalano splendide caratterizzazione, che però risultano tutte seconde alla magnifica e incredibile interpretazione di Martin Landau, capce di ricreare un nobile e decaduto Bela Lugosi assolutamente sbalorditivo. Caldamente consigliata l’utilizzo di una delle possibilità del supporto dvd: ascoltarsi il film in lingua originale, magari con i sottotitoli se necessario, per godere completamente di questa straordinaria interpretazione.
Toccante e struggente, il Lugosi di Landau, ormai al termine della propria carriera e della propria vita, morfinomane torna a vivere grazie all’entusiasmo, per quanto mal riposto, del giovane regista di belle speranze Wood/Depp.
Il dvd è ottimo, e ci regala un sacco di materiale aggiuntivo che ampliano il valore del film, come il commento audio di regista e cast, un videoclip, un making of con interviste al cast e una serie di speciali: dal rapporto Landau/Lugosi alla colonna sonora, dalla scenografia al travestitismo.
Un must assoluto per tutti gli appassionati di Burton, un’ottimo acquisto per tutti gli appassionati di cinema.

© 2003 Paolo Ferrara - per gentile concessione dell'autore