voi siete qui: drive index > libri > novità editoriali > novitą editoriali: Meridiano Zero

 

Pubblichiamo le schede ricevute periodicamente dalla casa editrice Meridiano Zero di Padova, che riguardano le ultime opere già uscite o di imminente distribuzione in libreria. Piccoli, ma coraggiosi e audaci, quelli di Meridiano Zero hanno pubblicato autori come Derek Raymond e perle di giovani scrittori come Le madri nere, e per questo noi di Drive magazine siamo loro molto grati...Se volete conoscere il loro catalogo, novità, profili degli autori, potete visitare il sito ufficiale della casa editrice. Per informazioni e contatti: zero@meridianozero.it e silvia@meridianozero.it

JAMES WADDINGTON: DURI DA MORIRE- Collana Meridianonero, pagine 192, lire 23.000. Nelle librerie dal 13 luglio 2001.

Come battere ogni record e perdere l'anima, tappa per tappa. Akil Saenz è uno dei più grandi ciclisti nella storia dello sport. Ma in pieno Tour de France un ciclista della squadra avversaria, sponsorizzara da una casa farmaceutica, lo batte inaspettatamete. e nei due anni successivi, di nuovo Saenz si vede soffiare il titolo da perfetti sconosciuti. Campioni sbucati dal nulla che attraversano come meteore le croncache del ciclismo mondiale, salvo poi finire tutti semi-pazzi e morire, uno dopo l'altro, in circcostanze misteriose.

Dietro i successi della squadra avversaria sembra esserci un enigmatico dottore. E sarà proprio questo dottore, in una scena quasi faustiana, ad accostare Saenz offrendogli un pericoloso patto. Saenz accetta. Ma il ritrovato successo ha un alto prezzo: Saenz si ritrova inseguito da una misteriosa banda di killer, mentre intorno a lui tutto sembra sfumare, tra realtà e paranoia, in un sogno surreale.

L'AUTORE: JAMES WADDINGTON vive nell'Inghilterra del Nord. Lavora come commediografo e divide il suo tempo tra la scrittura e il ciclismo. Duri da morire, il suo primo romanzo, ha entusiasmato la critica anglosassone e quella francese, toccando un tema di scottante attualità come il doping nello sport, in cui riusciva a mantenere il difficile equilibrio tra il critico letterario e l'appassionato sportivo.

DAVID AMBROSE: LA MADRE DI DIO, collana Meridianonero, pagine 288, lire 26.000. Nelle librerie dal 13 luglio 2001.

All'Università di Oxford, una geniale scienziata mette a punto un rivoluzionario programma di intelligenza artificiale. Una scoperta importante e controversa, che accende rivalità e muove misteriosi interessi. Tanto da costringere la dottoressa tessa Lambert alla semiclandestinità e a riparare in Francia.

In California, nel frattempo, un perverso serial killer ha escogitato un nuovo sistema per trovare le proprie vittime: contattarle attraverso la rete. E mentre Tessa Lambert tenta, ormai inutilmente, di rendere più sicuri i sistemi di sicurezza della sua scoperta, il killer-hacker è già entrato in contatto con il computer pensante. Il killer ora ha un nuovo padrone: la macchina gli indica, con precisione perfetta, la persone da uccidere. E il primo ordine del computer è perentorio: uccidere la donna che lo ha creato...

Dalla penna di un grande sceneggiatore di Hollywood, un cyberthriller in bilico tra tensione e filosofia. Ha scritto Literary Review: un romanzo gotico per la nostra era informatica...una trama assolutamente sconvolgente.

L'AUTORE: DAVID AMBROSE ha studiato legge a Oxford, dove ha anche recitato, scritto e diretto numerosi drammi teatrali. Ha abbandonato la carriera legale perché incominciava a essere tormentato da seri dubbi sulla capacità di mantenere la faccia seria per tutta la vita. Decise allora di tentare la carriera di scrittore, lavorando per l'Observer, e continuando a scrivere commedie. Ha scritto anche sceneggiature per il cinema, lavorando con Orson Welles, Kirk Douglas, Sharon Stone, ma ha un'opinione piuttosto critica verso Hollywood: quello che scrivi é completamente in balia di tutti quegli idioti, ognuno con una sua idea. sai già in partenza che quello che scrivi viene stravolto da gente che pensa solo a proteggere il suo posto di lavoro e ad anticipare quello che vuole il capo. Il suo primo romanzo, L'uomo che credeva di essere se stesso, è stato pubblicato da Meridiano Zero nel 1999.

SANGUE INNOCENTE, di CHRISTOPHER DICKEY. Collana Meridianonero, pagine 288, lire 26.000. Nelle librerie dal 29 giugno 2001.

Da combattente per l'onore dell'America a strumento per la sua distruzione. Kurt Kurtovic era un ranger dell'esercito degli Stati Uniti. Nato in Kansas, nel cuore della grande America, si è arruolato giovanissimo appena dopo il liceo, ed è stato addestrato a combattere e uccidere. Ora, dopo aver combattuto a Panama e nella Guerra del Golfo, una profonda crisi lo assale: combattere e uccidere per chi? Per quale Dio, per quale Patria?

Lasciato l'esercito, Kurtovic si reca in Bosnia, alla ricerca delle proprie origini familiari. Qui, finalmente, sembra trovare la sua fede, la sua vera causa. Avvicinato da un carismatico e ambiguo personaggio, viene portato a riconoscere quello che gli apparirà come l'autentico nemico: l'America. Kurt si lascia arruolare tra le fila del terrorismo islamico, che vede in lui il combattente perfetto: un biondo, americanissimo mujahideen.

Una nuova guerra sta iniziando. Solo un americano può colpire il cuore dell'America...

L'AUTORE: CHRISTOPHER DICKEY,è stato corrispondente di Newsweek al Cairo e ora a Parigi; inviato del Washington Post in Medio Oriente e Centro America, dove ha vissuto per oltre un anno al seguito di un gruppo di contras, ricavandone il best seller With the Contras. Christopher Dickey è il figlio di James Dickey, l'autore di Dove porta il fiume (Mondadori, 1972), da cui è stato tratto il film Un tranquillo week-end di paura, e di Oceano bianco (Garzanti, 2000). Christopher Dickey ha un sito web, in lingua inglese, www.christopherdickey.com

 webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto | drive © stefano marzorati 1999-2004 | a true romance production
Vai all'indice delle recensioni librarie

scopri altri libri del catalogo Meridiano Zero