+ introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs

   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   +
links



   +
Demon: official site
   +
Despair: testi

 

 
  + The Gothic Milieu
    +
  BNR Metal Pages



   + Demon: Best of...



 
voi siete qui: drive index > R&H encyclopedia > indice delle schede > D > Demon
D

DEMON
Band britannica emersa dalla New Wave of British Heavy Metal. Da principio attratti da tematiche dark e demoniache, soprattutto con i primi tre album: Night of the Demon, The Unexpexcted Guest e The Plague (rispettivamente dle 1981, 1982 e 1983) il gruppo si e' in seguito staccato da simili atmosfere per approdare a un heavy metal piu' classico e standard. Night of the Demon rimane tuttavia nella memoria, per la splendida copertina, davvero d'effetto, quella con il braccio che si leva dalla tomba e fruga tra le viscere che sembrano sgorgare dalla pietra. In quei primi anni di attivita', comunque, il gruppo realizza sul palco dei veri e propri horror show con tanto di tombe e di addobbi macabri. The Plague e' il disco che segna il loro passaggio verso altri territori, ed e' la testimonianza di come la vena black metal non fosse neppure tanto sentita dai membri del gruppo. In seguito alla morte del chitarrista Mal Spooner, avvenuta nel 1984, segna un'ulteriore svolta per la formazione, ormai sull'orlo dello scioglimento. Usciti velocemente da questa situazione di crisi, i Demon hanno da allora inanellato una serie impressionante di album e di mini album, e vari singoli. Purtroppo, nonostante il discreto valore delle loro composizioni, sono sempre rimasti una delle band piu' sottovalutate dalla stampa britannica e internazionale. 

Formazione:
Dave Hill: v / John Waterhouse: ch / Steve Brookes: ch / Steve Watts: tast / Nick Bushell: bs / Scott Crawford: bt
Discografia selezionata:
Night of the Demon (Relapse), 1981; The Unexpected Guest (Carrere), 1982; The Plague (Carrere), 1983; British Standard Approved (Clay), 1985; Taking the World by Storm (Clay), 1989; One Helluva Night (Sonic), 1989, live doppio; Hold On to the Dream (Sonic), 1991; Blowout (Sonic), 1992; Welcome to the Real World, 1994; The Best of Demon Volume One, 1999; Spaced Out Monkey, 2001

DEMONIA
Nati nel 1996, i Demonia si sono formati per fare rock and roll. Influenze determinanti per il gruppo sono state le massicce dosi di gore italiano, i vecchi film della Universal e della Hammer, cos“ come i fatti di cronaca nera e la fantascienza.
Influenzati dai maestri dell' horror rock, The Misfits, e da altri assorted orchi
come Motorhead, 45 Grave, Christian Death e Samhain. Demonia: musica horror per gli amanti dell'horror.

Formazione: Bizarro: voce / Nicolas Eibon Fiend: basso, voce / Luis Bestia: batteria, voce / (diversi personaggi si sono alternati alla chitarra: Damien Omen, Vile Dellamorte, L. Skulls, Ruby Redd)
Discografia: Raise the Dead, 1997: tape con sei brani- fuori catalogo; Ossuary: House of Bone, 1998: 13 brani - tiratura di 213 copie; Rest In Pieces, 1999: 2 brani - ancora disponibile; Death & the Maiden, 2000: 6 brani - completato, non ancora in distribuzione; Make Them Die Slowly, 2000: 6 brani - completato, non ancora in distribuzione.
Contatti:
Demonia, 316 N. Gage Ave. Los Angeles, California 90063-2316
email:
MorteViventiInc@hotmail.com


DESPAIR
Gruppo tedesco di ottimo gusto compositivo, che confeziona un discreto thrash metal tecnico tendenzialmente melodico e gotico, con forti analogie con gruppi come gli Hallow's Eve. Il chitarrista Waldemar Sorychta e' un vero e proprio virtuoso del suo strumento, e il suo stile e' fortemente debitore di quello di Alex Skolnick (Testament)

Formazione: Andreas Hentschel: v. / Waldemar Sorychta: ch / Marek Grzeszek: ch / Klaus Pachura: bs / Markus Freiwald: bt
Discografia:
History of Hate (Century Media), 1989; Decay of Humanity (Century Media), 1990; Beyond All Reasons (Century Media), 1992

pagina successiva > D > Destruction -precedente > D > Deceased

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2004 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto | drive © stefano marzorati 1999-2004 | a true romance production