Voi siete qui: drive index > musica > the rock and horror encyclopedia > articoli > Shub Niggurath


    + introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs
   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   + links



 


 


   + Les morts vont vite








 



Shub Niggurath - "Les Morts Vont Vite" (Shub Niggurath-1986/Musea-1997)

Un nome tanto minaccioso come quello di Shub Niggurath, mostruosa dea della fertilità, entità aliena e folle della mitologia lovecraftiana, richiede come minimo propositi musicali non del tutto shubrassicuranti... nell'arco della loro esistenza, circa una ventina di anni fra il 1985 ed il 2003, i francesi Shub Niggurath hanno ampiamente dimostrato di essere immersi nel profondo del lato oscuro della musica in un contesto free-noise rock sinfonico e "progressivo", un suono che sembra scaturire, nel migliore dei casi, da una antica cripta nauseabonda. Les Morts Vont Vite, primo disco degli Shub Nigurrath, uscito nel 1986 successivamente a un nastro omonimo autoprodotto, è formato sostanzialmente da lunghe composizioni poco inclini alla melodia, riconducibili all'area dell'avanguardia rock e della musica classica contemporanea. I punti di riferimento artistici principali si orientano verso alcuni nomi che hanno segnato il rock europeo degli ultimi trent'anni, Magma, Art Zoyd ed Univers Zero, Art Bears/Fred Frith, i King Crimson più spigolosi ed aspri (circa metà anni '70) ed uno dei nomi più illustri ed importanti della musica classica contemporanea, Krzysztof Penderecki. Mediante una caratteristica formazione a sei elementi, cinque strumentisti più la voce soprano di Ann Stewart, il gruppo accosta alla tradizionale sezione rock strumenti piuttosto inusuali come l'harmonium, un organo da chiesa ed il trombone, con un effetto quantomai spiazzante. Il cantato di Ann Stewart, una performance gelida e distante, quasi come se le parti vocali fossero eseguite durante una trance ipnotica, è una delle caratteristiche principali di un disco che procede a strappi, lento e solenne.
L'incedere cadenzato e funebre della sezione ritmica è sotterraneo quanto basta per trasmetterci una valida idea sull'inferno, le chitarre di Franck W. Fromy quando non tratteggiano melodie opprimenti si perdono in una forma di distorsione rumoristica decisamente claustrofobica; il pianista-organista Franck Fromy e la fiatista Veronique Verdier sono invece i principali responsabili della scarna ed efficace orchestrazione di Les Morts Vont Vite, la base sinfonica e "rituale" delle progressioni strumentali del gruppo. I punti saliènti di quest'opera sono da ascoltare nelle composizioni più lunghe ed articolate, dove gli attimi di suspense e calma soffocante sono il preavviso di improvvise esplosioni sonore ed effettacci da rabbrividire, come nella tremenda Yog Sothoth (niente di più eplicito...) con tanto di ruggito del "grande antico", oppure nella sepolcrale La Ballade de Lénore, ispirata al celebre dipinto di Horace Vernet raffigurato anche in copertina, un brano che non dispiacerebbe al nostro Antonius Rex. Negli anni successivi e dopo qualche cambiamento di line-up, gli Shub Niggurath hanno ulteriormente approfondito il concetto sperimentale ed avanguardistico della loro musica attraverso un live pubblicato nel 1988, un nuovo ultimo lavoro, C'Etaient De Grands Vents, uscito nel 1991, ed un disco postumo di materiale inedito, Testament, nel 2003, tutti stampati dalla Musea. Senza dubbio gli Shub Niggurath rappresentano un'esperienza musicale non facile da affrontare, anzi... la relativa difficoltà d'ascolto di un disco come Les Morts Vont Vite è comunque un buon metodo per entrare in un mondo immaginario affascinante ma, talvolta, banalizzato o ridicolizzato dalle tendenze più malsane ed involute di certo rock/heavy metal.


© Giovanni Carta 2005 - per gentile concessione dell'autore


The Rock and Horror Encyclopedia © 1999-2005 Stefano Marzorati - a true romance production