A Bra (Cn) dal 18 al 21 aprile 2002 "CORTO IN BRA": CINEMATOGRAFIA BREVE DA TUTTO IL MONDO A CONFRONTO

Quarta edizione della biennale piemontese dedicata alla forma artistica emergente della settima arte. Circa trecento i corti giunti da tutta Europa
- 7000 euro per il vincitore della sezione sceneggiatura, uno dei più importanti a livello continentale. Novità dell'edizione 2002 è la sezione tutta dedicata alla cultura del cibo in collaborazione con Slow Food

Corto in Bra, la biennale del cortometraggio che si svolge a Bra, nel centro della provincia di Cuneo dal 18 al 21 aprile 2002, è giunta alla sua quarta edizione. Nata dalla scommessa di alcuni giovani amici amanti della pellicola, nel giro di soli sei anni il festival piemontese ha saputo farsi apprezzare per la qualità delle sue proposte e per l'inaspettato successo di pubblico. Se “Corto in Bra” era nato con l'ambizione di rappresentare un momento di confronto per giovani sceneggiatori e registi alle prime armi, ben presto il gioco si è fatto serio e, le centinaia di opere giunte da ogni parte del mondo, testimoniano che nell'edizione di quest'anno è giunto il momento di decretarne la maturità nell’ambito di una forma espressiva che stenta a trovare una precisa collocazione nei circuiti italiani.
Organizzato dalla Città di Bra sotto la direzione artistica del trio composto dal regista Luca Busso, dallo sceneggiatore e scrittore Stefano Sardo e dalla regista televisiva Luisa Grosso, l'edizione 2002 di “Corto in Bra” presenta due premi riservati al cortometragio (uno per le pellicole prodotte nei paesi europei e l'altro per le produzioni italiane), un sostanzioso premio per gli sceneggiatori e una sezione a tema. Per quest'ultima, la scelta non poteva che cadere, nella città dove ha sede mondiale il movimento Slow Food ed i gastronauti di tutto il mondo convergono ogni due anni per la kermesse "Cheese", sul rapporto tra cortometraggio e cibo dall'emblematica denominazione di Slow Food on film.
Cinema Corto in Europa
E' lo spazio che premia i migliori lavori, sui duecentottanta presentati, tra quanti realizzati su pellicola o nastro nell’ultimo biennio. Unico requisito è che i lavori siano brevi, 30 minuti al massimo. La giuria sarà chiamata ad assegnare due distinti premi che renderanno omaggio al miglior lavoro prodotto nell'ambito dei paesi europei (intesi in senso geografico) e quelli realizzati in Italia.
Ai vincitori andrà il Premio la Zizzola, dal nome della singolare costruzione che domina la città dal suo colle più alto: la sezione dedicata al cinema europeo sarà valutata da una giuria composta da studenti provenienti dalle scuole di tutta Europa, presieduta da un professionista europeo, ed al cui vincitore sarà assegnato un premio di 3.500 euro. Per la sezione italiana è previsto un premio di 1.500 euro più i servizi di produzione e l’opera vincitrice sarà designata da studenti delle scuole superiori della Provincia di Cuneo sotto la presidenza di un professionista del mondo cinematografico italiano.
Sezione Premio Città di Bra
E' lo spazio riservato alle sceneggiature originali per cortometraggi in lingua italiana. La direzione artistica del festival selezionerà dieci lavori, tra i circa duecentocinquanta pervenuti, che verranno riprodotti integralmente sul catalogo della manifestazione. La giuria di esperti, composta da sceneggiatori, scrittori ed altri professionisti del settore, sceglierà tra loro quella meritevole di ricevere il premio "Città di Bra" cui andrà un sostanzioso contributo di 7.000 euro più i servizi di produzione (uno dei budget più alti in ambito continentale) per realizzare il cortometraggio entro un anno dall'assegnazione.
Slow Food on film
La sezione, promossa in collaborazione con il movimento Slow Food, si denominerà Slow Food on film per premiare i lavori che fissano nell'espressione artistica il rito del cibarsi come momento di cultura, conoscenza e identità dell'uomo. Proseguendo anche visivamente le campagne del movimento, il rapporto uomo-cibo verrà analizzato in una forma espressiva moderna non per questo meno rispettosa delle culture e tradizioni.
A competere saranno lavori inediti, senza alcuna restrizione geografica o di lingua, ed al vincitore verrà assegnata la Chiocciola d'oro ed un premio in denaro di 5.000 euro, oltre alla promozione di tutti i lavori in concorso sul sito ufficiale slowfood.com e sui canali televisivi o web con i quali Slow Food collabora. Per informazioni: film@slowfood.it
Le proiezioni delle pellicole finaliste si svolgeranno tutte nelle due multisale cittadine, il Cinema Impero ed il Cinema Vittoria, e per ognuno dei quattro giorni del festival saranno tre le proiezioni: la mattina (per le scuole cittadine), il pomeriggio e la sera.
Giurie e opere finaliste di Corto in Bra verranno presentate nell'ambito di tre conferenze stampa in programma per la prima metà di marzo a Milano, Torino e Bra.
Nell’attesa, buio in sala.

Info: Città di Bra – Ufficio Manifestazioni – via Moffa di Lisio, 14 – 12042 Bra (Cn) – Italy – tel. (+39) 0172.430185 – fax (+39) 0172.418601 – e mail: turismo@comune.bra.cn.it - web: www.comune.bra.cn.it e www.cortoinbra.it
Per informazioni: Raffaele Grillo (Ufficio Stampa – Città di Bra) – tel. 0172.438261 – fax 0172.44333 – e mail: urp@comune.bra.cn.it - web: www.comune.bra.cn.it