voi siete qui: drive index > cinema > archivio recensioni > Chocolat

 

CHOCOLAT (id.) di Lasse Hallstrom, con Juliette Binoche, Lena Olin, Judi Dench, Johnny Depp, Alfred Molina, Peter Stormare, Carrie-Ann Moss; fotografia: Roger Pratt; musiche: Rachel Portman; produzione: Gran Bretagna, USA; distribuzione: Eagle Pictures; commento: *** 1/2

Francia, 1959. In una piccola cittadina di provincia sulle rive del fiume, il tempo sembra essersi fermato, con tutti gli abitanti bloccati in una rigida morsa di tradizioni secolari, perbenismo piccolo borghese e ipocrisia cripto cattolica. La pressione del gruppo sociele sul singolo è mantenuta sempre alta grazie all'azione fattiva del conte, sindaco del paese (Alfred Molina), un uomo infelice, cripto-cattolico e bigotto, schiavo della macchina conservatrice creata dai suoi stessi avi.
Finché un giorno, con il vento del Nord, nel paese arrivano Vianne e la sua figlioletta. La donna apre, proprio davanti alla chiesa del paese, un'invitante cioccolateria - fonte di tentazioni e di peccato per la bigottaggine del posto - e, per colmo degli affronti, inizia lo "spaccio" di siffatte delizie durante il periodo quaresimale. Il fronte moralista del paese, capitanato dal sindaco, dichiara guerra alla donna, ma il piacere del palato per le meraviglie di cacao inizia a creare delle fratture tra gli abitanti....
Chocolat, a metà tra lo spirito sudamericano alla Marquez e le raffinatezze culinarie de Il pranzo di Babette, è una delizia per palati sensibili e raffinati. Impropriamente accusato di "buonismo" da una certa critica e suo modo bigotta e fossilizzata sui propri cliché, allo stesso modo del sindaco del paese, il film di Lasse Hallstrom (La mia vita a quattro zampe, Le regole della casa del sidro, ma soprattutto l'indimenticabile Buon compleanno Mr. Grape)è una delicata favola che tra le righe ci avverte sui pericoli del conformismo benpensante, monito più che mai d'attualità di questi tempi. Brava e simpatica Juliette Binoche (tra i vari ricordiamo Film Blu, Il Danno e, di questa stagione cinematografica, il bellissimo L'amore che non muore), alla quale tengono compagnia un'ottima Judi Dench (La mia regina-Mrs. Brown, Un tè con Mussolini e Shakespeare in Love, che le valse il premio Oscar) nella parte della padrona di casa, Lena Olin (Nemici-una storia d'amore, Mr. Jones) moglie frustrata di marito violento e alcoolizzato (Peter Stormare) e Johnny Depp nel ruolo del capo degli zingari di fiume.

© Marco Ferrari - per gentile concessione dell'autore
webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto - drive © stefano marzorati 1999-2009 - a true romance production