+ introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs

   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   +
links



   +
Cathedral: intervista a B. Dixon
   + Celtic Frost: Official site
   + Earache: il sito ufficiale

 

 
  + The Gothic Milieu
   +
  BNR Metal Pages



   + Cathedral: recensioni
   + Celtic Frost: recensioni


 
voi siete qui: drive index > R&H encyclopedia > indice delle schede > C > Cemetary
C

CEMETARY
Death metal band con valide capacita' compositive, dimostrate ampiamente in An Evil Shade of Grey, l'album di esordio. Le loro composizioni mostrano spesso la presenza di venature epiche accanto a un'abbondanza di passaggi brillanti e soluzioni stilistiche piuttosto originali, come in Where the Rivers..., Sidereal Passing e Nightmare Lake.

Formazione: Mathias Lodmalm: v, ch/ Anders Iwers: ch/ Tomas Josefssen: bs/ Markus Nordberg: bt
Discografia: An Evil Shade of Grey
(Black Mark), 1992; Godless Beauty (Black Mark, 1993); Black Vanity (Black Mark, 1994); Sundown (Black Mark, 1996); Last Confession (Black Mark, 1997); Sweetest Tragedies (Black Mark, 1998)

CEREBRAL FIX
Gruppo britannico autore di un buon doom metal. Sono nati nel 1986 a Birmingham e i loro primi tempi sono stati caratterizzati da frequenti cambi di formazione. In occasione del terzo lp il batterista Andy Baker, gia' con i Sacrilege, e' stato rimpiazzato da Kev Frost. Il primo album del gruppo, Life Sucks...And Then You Die, 1988, e' piu' vicino all'hardcore che al thrash metal. Il secondo, Bastards, e' un violento attacco verbale e sonoro, un disco che mostra un avvicinamento a un certodoom tipicamente europeo e a un certo technothrash con brani come Behind Jerusalem e I Lost a Friend, che mettono bene in evidenza il lavoro svolto dai due chitarristi. Sonorita' grezze, maleducate e aggressive danno vita a brani come la title track, Sphereborn, e il classico Smash It Up, dei Damned, dove appare come guest star il cantante dei Wolfsbane, Blaze Bailey. Senza dimenticare il fortissimo senso di claustrofobia sonora espresso dal calvario di Descent into the Unconsciousness. La loro casa discografica li ha descritti come un mix di doom metal classico alla Candlemass e di death violento alla Obituary eDeicide. Death Erotica, del 1992, sfodera nuovi frammenti di schizofrenia mortale che hanno nome Haunted Eyes, The Raft of Medusa (ispirato al celebre quadro di Delacroix), Creator of Olocausts e un'altra cover, quella di Too Drunk to Fuck, dei Dead Kennedys.

Formazione:
Simon Forrest: v / Tony Warburton: ch / Frank Healy: bs / Kev Frost: bt
Discografia:Life Sucks...And then You Die (Vinyl Solution Records), 1988; Tower of Spite (Earache), 1990; Bastards (Roadrunner), 1991; Death Erotica (MFN), 1992


CEREMONIAL OATH
Svedesi, hanno all'attivo finora un solo ep, The Lost Name of God, inciso per la Corpse Grinder nel 1992. I due brani inclusi, la title track e For I Have Sinned, si segnalano non tanto per la presenza di schemi ritmici gia' abbondantemente collaudati da altri gruppi death europi , quanto per la dimostrazione di una tecnica di esecuzione non indifferente.

Discografia:The Lost Name of God (Corpse Grinder), 1986


CHAINSAW
Il primo album di questa formazione, Hell's Burnin' Up (1986), si segnala per i costanti riferimenti orrorifici presenti in pezzi come The Dungeon, Last Fortress, He Knows You Are Alone (che cita testualmente un maniac movie minore), Midnight Hunter e Ageless Force.

Discografia:Hell's Burnin' Up (Bone Breaker), 1986
pagina successiva > C > Christavox - precedente > C > Cathedral

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2004 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto| drive © stefano marzorati 1999-2004 | a true romance production