voi siete qui: drive index > musica > bloc notes: indice> interviste: Black Heart Procession

The Black Heart Procession
unofficial website



BLACK HEART PROCESSION: Il suono nero degli abissi, di Lino Terlati

I Black Heart Procession sono una band americana di San Diego che è apprezzata in tutto il mondo, meno che in patria, dove sono degli autentici sconosciuti. Hanno pubblicato un cd chiamato semplicemente 3 che segue in ordine cronologico altri due. Pall A. Jenkins, che è il leader e Tobias Nathaniel provengono dai Three Mile Pilot. Le loro si possono definire torch-songs dall'andamento triste e intenso, sulla scia di gruppi come Devics e Bonfire Madigan. A differenza degli altri gruppi, Pall introduce il moog nelle sue canzoni, per creare rumori e atmosfere abissali e cupe. Tutto questo nasce dalle depresioni di Pall e Toby che, oltre ad ascoltare compositori classici, sono anche appassionati degli AC/DC e dei Black Sabbath .La loro musica è carica di tensione, sebbene la strumentazione sia scarna e, a volte, sfiora la pretenziosità. Del pop alla David Bowie e American Music Club hanno preso la parte più estrema e decadente e rappresentano solo questa. A volte, qui e là, affiora qualche nota di sarcasmo.
Ma sentiamo cosa ha da dirci Pall e poi, in sede di recensione, tornerò a scrivere del cd 3.

L'INTERVISTA
1 - Perchè avete intitolato i vostri album semplicemente con un numero? Anche Peter Gabriel e i Soft Machine, in passato, hanno agito così.
P - Abbiamo intitolato i nostri album numericamente in ordine cronologico perchè era difficile trovare titoli che poterssero descrivere gli albums come un tuttuno.Ogni canzone ha una storia a se. Certamente molte bands in passato hanno fatto come noi, ma molti nostri concetti non sono stati rappresentati molto nel passato.
2 - In passato voi avete fatto parte dei Three Mile Pilot. Avete registrato albums con loro? Cosa ricordi di quell'esperienza?
P- I Three Mile Pilot è una band con cui suono ancora adesso.Abbiamo pubblicato 4 dischi e un pugno di singoli e compilations.Sto registrando con loro un nuovo disco.E' come un lento treno commovente, ma dalle sue finestre la vista è piacevole, questo in sintesi il nuovo lavoro dei Three Mile Pilot.
3-Descrivi tu al pubblico italiano cosa sono i Black Heart Procession...
P-I Black Heart Procession sono un uomo ubriaco senza scarpe- o il suono dell'oceano- è il modo in cui questa acqua dell'oceano fluisce sopra la pelle di una donna che sogni d'incontrare-ed è il modo in cui il sale si asciuga sul suo corpo mentre lei dorme sulla spiaggia.E' la gelosia che ti viene sapendo che il sole si poggia su di lei. E' un ragazzo che si nasconde dietro le rocce a spiarla nuda, e lui sta accanto al sole nascente-questo è il lavoro del sole-e questo ragazzo è ora un uomo ubriaco senza scarpe che giace al posto di lei e fa la guardia all'orma che lei ha lasciato del suo corpo e quando la marea si alza lui cerca di protegger il disegno di lei bloccando le onde ma alla fine affoga gridando il suo nome...Ecco questi potrebbero essere i Black Heart Procession ma è difficile da descrivere il nostro suono, perchè domani potrei cambiare luogo e paesaggio.
4- Guardando ai primi giorni della Touch & Go Records, cosa provi dell'influenza che voi avete ricevuto dalla cultura pop, come è successo alle prime bands dark che hanno buttato le loro radici nel mainstream? Siete interessati alla corrente scena dark? Con quale artista vi sentite in sincronia??
P- E' duro per me pensare a cosa mi piace e cosa sento nella nostra musica e il suo effetto su una certa scena; scriviamo canzoni che vengono fuori così...da noi, ma sono fiero di far parte della Touch & Go Records. Lavoriamo con persone che amano ciò che facciamo e noi lo facciamo per la stessa ragione.Loro sono così gentili ed onesti.Mi piacciono un sacco di bands, ma non posso dirti quella preferita.
5 - In passato hai fatto tour con A Minor Forest, hai qualche ricordo e piani per lavorare ancora con questi musicisti?
P-Insieme ai A Minor Forest abbiamo fatto il nostro primo tour europeo ed è stato un bellissimo periodo, anche se in alcuni giorni c'era stato qualche piccolo dramma.Vedo ancora Eric qui a San Diego e siamo buoni amici; gli altri ragazzi vivono a San Francisco ed in genere li vedo una volta l'anno.Ma fa sempre piacere rivedersi con loro.
6 - La musica dei Black Heart Procession potrebbe essere un ideale soundtrack per i films di Dreyer, cosa ne pensi?
P - Mi piacerebbe tantissimo fare colonne sonore per films...
7-Quale posto occupano i Black Heart Procession nell'attuale nuova scena californiana?
P - In California adesso ci sono un sacco di bands che usano il make-up e si rifanno al glam; a me non piace truccarmi e mettere chili di lacca nei capelli e se voglio sentire quel tipo di musiica preferisco gli originali degli anni '70, ma alcuni di questi ragazzi suonano davvero bene e sono carini, ma non voglio far parte di questo movimento di revival.
8- Come è nato Three?
P - Three è nato con una moglie che dividevamo in due a casa.
9 - Come mai i Black Heart Procession non hanno un sito web?
P- I Black Heart Procession non hanno un sito web perchè noi non usiamo computers abbastanza da saper fare un sito web e c'è tanta gente che lo fa meglio di noi con siti non ufficiali, ma penso che presto anche noi ricorreremo al nostro sito web.
10- Cosa pensi della possibilità di Internet come una futura industria rock?
P-Non è male che la gente possa comprare dischi attraverso Internet. Solo che gli artisti dovrebbero ottenere quello che meritano ed essere pagati per la fabbricazione del cd e questo con Internet non è ancora possibile. Ed è ancora più difficile sopravvivere per una band che lavori solo con Internet , ci vogliono altri supporti.Specialmente se non fai pop music, e se il nuovo disco non vende, non puoi fare quello successivo.Ma alcuni pensano perchè dovrei pagare per non possedere nulla?Questo è il pensiero antico dellì'uomo, pagare per avere.Per me è più ammirevole una persona che va in un negozio, richiede il cd e lo ascolta che stare seduto e scaricare un file.....ma è bello ascoltare roba di cui non sai nulla...su Internet.Nel disco c'è molta arte e so di qualche bands che pubblica pezzi in Internet senza copertina, fotografie e questo non è arte.E questo mi rende triste.Non è una cosa toccante ed entusiasmante.Per questo mi piace fare il cd come nel passato...
11 - Quali progetti futuri sono all'orizzonte per i Black Heart Procession?
Verremmo presto in Italia e pubblicheremo il nuovo cd. Poi di nuovo un tour pazzo come l'anno scorso...
Grazie di tutto da Pall.
 
torna a blocnotes di dicembre

Drive Magazine - © 1999-2009 Stefano Marzorati/True Romance Production. In collaborazione con Net Studio
ensiona