+ introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs

   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   +
links




   + Benediction: testi
   + Benediction: sito francese
   + Blind Guardian: il sito ufficiale
  + Blasphereion: Osmose Productions
   + Black Widow: intervista a Clive Jones

  

   + The Gothic Milieu
   +
Century Media Records
   + A tribute to Nordic Black Metal
   +
  deathmetal.com 






voi siete qui: drive index > R&H encyclopedia > indice delle schede > B > Benediction
B

BENEDICTION
Una delle death band seminali della Birmingham Area. Ne faceva parte anni or sono anche Barney, poi cantante con i Napalm Death. Nel primo album, Subconscious Terror (1990), i Benediction propongono una cover di Forged in Fire dei canadesi Anvil. E il secondo album registra un sensibile salto di qualita' confermandoli come una discreta band di death metal con riusciti spunti doom. In The Grand Leveller (1991) ripescano per i testi direttamente dalle presunte lettere di Jack lo Squartatore e da quelle del 'figlio di Sam', suo corrispettivo moderno. Con il recente mini lp Dark Is the Season (1992) presentano una miscela di death memore della tradizione anglosassone (Onslaught e Xentrix) e di grindcore della nuova generazione.

Discografia:
Subconscious Terror (Nuclear Blast), 1990; The Grand Leveller (Nuclear Blast), 1991; Dark is the Season (Nuclear Blast), 1992, mini lp

BETRAYAL
Quintetto di Van Nuys, California. Esprimono le nuove tendenze del thrash. Un gruppo aperto dunque alle contaminazioni con jazz, funky, death e addirittura musica araba. Si ascolti al proposito la solenne Renaissance by Death e brani come The Invitation e Mortal Flesh.

Discografia:
Renaissance by Death (Wonderland/Epic), 1992

BEYOND POSSESSION
Quintetto americano emerso dalla scena underground. L'album di esordio e' un goffo tentativo di sfruttare il crossover tra hardcore e thrash metal. E nonostante una ingannevole iconografia death, lo stile povero di idee ha fatto si' che il gruppo sparisse nell'ombra in breve tempo. 

Discografia:
Beyond Possession (Death/Metal Blade), 1987

BLACK WIDOW
Apparsi nello stesso periodo in cui i Black Sabbath colpivano la scena con il loro primo album, i Black Widow erano cosi' profondamente coinvolti nel rituale della magia nera che le loro gigs si trasformavano in veri e propri incontri occulti, con un finto sacrificio che concludeva le loro performance. Musicalmente molto vicini ai Black Sabbath, anche se meno pesanti e piu' ricchi di velleita' progressive.

Formazione: Jim Gannon: ch / Zoot Taylor: tast / Clive Jones: sax / John Cully: ch / Geoff Griffiths: bs, v / Romeo Challanger: bt
Discografia: Sacrifice (CBS), 1971; Black Widow (CBS), 1972; Three (CBS), 1973

BLASPHEREION
Francesi, indicano come fonti di ispirazione gruppi come i Gorefest, gli Incarnation e i Deicide.

Discografia: Rest in Peace (Osmose Productions), 1992

BLESSED DEATH

Gruppo proveniente dal New Jersey, formatosi nel 1984. Il primo album, Kill or Be Killed (1986), presenta un thrash metal estremamente ricco che li fa assosmigliare a un incrocio tra Black Sabbath e Slayer.

Formazione: Larry Portelli: v / Jeff Anderson: ch / Nick Fiorentino: ch / Kevin Powelson: bs / Chris Powelson: bt
Discografia:
Kill or Be Killed (Megaforce), 1986; Destined to Extinction (Roadracer), 1987

BLIND GUARDIAN

Eccellente quartetto tedesco di speed metal. Patiti di letteratura fantasy e di giochi di ruolo epico-avventurosi, amano definire il loro sound come fantasy metal. Il loro disco di esordio, Battalions of Fear (1987) aveva stupito per la tecnica e l'originalita' espresse. Nel terzo album, Tales from the Twilight God, hanno mantenute inalterate queste loro qualita' arricchendole con un sound ancora piu' potente. Kai Hansen (ex Halloween) partecipa come ospite all'album e alcuni brani lo vedono presente sia nelle vesti di cantante che in quelle di chitarrista. Canzoni variegate come Traveler in Time, Welcome to Dying, le devastanti Goodbye My Friend e Tommyknockers offrono ritmi infernali, irresistibili e mozzafiato. Nell'ultimo disco Somewhere Far Beyond rivisitano Spread Your Wings dei Queen e sfoderano la loro vena epica in pezzi come Journey Through the Dark e Theatre of Pain (ispirate alle gesta degli antichi bardi), nella favola medievale di The Quest for Tanelorn, nella devastante Ashes to Ashes. Ma un brano come Black Chamber, a detta del gruppo ispirato alla serie tv Twin Peaks, introduce nuove suggestioni.

Formazione: Andre Olbrich: ch / Armin Siepes: ch / Hansi Kursch : bs / Thomen Staucht: bt
Discografia: Battalions of Fear (No Remorse), 1987; Follow the Blind (No Remorse), 1989; Tales from the Twilight God (No Remorse), 1991; Somewhere Far Beyond (Virgin), 1992; Tokyo Tales (Virgin), 1992; Imaginations from the Other Side (Virgin), 1995; Nightfall in Middle Heart (Virgin), 1998

BLIND IDIOT GOD

Bizzarra e demente formazione di hardcore sperimentale statunitense. Si sono ispirati per il loro nome a un epiteto che H.P. Lovecratft utlizza per designare uno dei piu' temibili Grandi Antichi, il 'dio cieco e idiota', appunto...

Discografia:
Blind Idiot God (SST Records), 1987; Sawtooth (Enemy), 1989, singolo 12"; Undertow (Enemy), 1989
pagina successiva > B > Blood -precedente > B > Banshee

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2003 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto | drive © stefano marzorati 1999-2003 | a true romance production