Musica/speciali: Il canto di spine degli ALTERA/4

 

 

 

disegni di Maurizio Rosenzweig

 

NATALE
di Giuseppe Ungaretti
Musiche di Davide Giancotti

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade
Ho tanta
stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata
Qui
non si sente
altro
che il caldo buono
Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare

Giuseppe Ungaretti, Vita di un uomo,© 1969 Arnoldo Mondatori Editore SpA, Milano


LAVORO
di Umberto Saba
Musiche di Davide Giancotti

Un tempo
la mia vita era facile. La terra
mi dava fiori frutta in abbondanza.
Or dissodo un terreno secco e duro.
La vanga
urta in pietre, in sterpaglia. Scavar devo
profondo, come chi cerca un tesoro.Umberto Saba, Tutte le poesie, © 1984 Arnoldo Mondadori Editore SpA, Milano


POETICA (2)
di Raffaele Crovi
Musiche di Davide Giancotti

Non scriverò più versi
Che si incartino dolci
dentro la musica
delle parole ritmate,
delle rime baciate.
Alla grazia dell’assonanza
preferisco
La forza della dissonanza:
dunque, finisco
il giro attorno
al mappamondo
del cuore e della mente,
delle idee e delle cose,
non protetto in una serra
seduto su un letto di rose,
ma onorevolmente
con il culo per terra.

Raffele Crovi, Pianeta terra,© 1999 Marsilio Editori SpA, Venezia

(Epilogo)
LE COSE CHE FANNO LA DOMENICA

di Corrado Govoni
Musiche di Davide GiancottiL’odore caldo del pane che si cuoce dentro il forno.
Il canto del gallo nel pollaio.
Il gorgheggio dei canarini alle finestre.
L’urto dei secchi contro il pozzo e il cigolio della puleggia.
La biancheria distesa nel prato.
Il sole sulle soglie.
La tovaglia nuova nella tavola.
Gli specchi nelle camere.
I fiori nei bicchieri.
Il girovago che fa piangere la sua armonica.
Il grido dello spazzacamino.
L’elemosina.
La neve.
Il canale gelato.
Il suono delle campane.
Le donne vestite di nero.
Le comunicanti.
Il suono bianco e nero del pianoforte.
Le suore bianche bendate come ferite.
I preti neri.
I ricoverati grigi.
L’azzurro del cielo sereno.
Le passeggiate degli amanti.
Le passeggiate dei malati
Lo stormire degli alberi.
I gatti bianchi contro i vetri.
Il prillare delle rosse ventarole.
Lo sbattere delle finestre e delle porte.
Le bucce d’oro degli aranci sul selciato.
I bambini che giuocano nei viali al cerchio.
Le fontane aperte nei giardini.
Gli aquiloni librati sulle case.
I soldati che fanno la manovra azzurra.
I cavalli che scalpitano sulle pietre.
Le fanciulle che vendono le viole.
Il pavone che apre la ruota sopra la scalèa rossa
Le colombe che tubano sul tetto.
I mandorli fioriti nel convento.
Gli oleandri rosei nei vestiboli.
Le tendine bianche che si muovono al vento.
Corrado Govoni, Gli aborti, © 1907, Taddei Editore

 

drive index | musica | archivio speciali
© Copyright 2003 Stefano Marzorati
scrivete a drive